venerdì 02 dicembre | 19:49
pubblicato il 23/mar/2012 05:10

Fisco/ Delega riforma oggi in Cdm, nessun ritocco aliquote

Alcuni dubbi da ministeri, possibile rinvio approvazione

Fisco/ Delega riforma oggi in Cdm, nessun ritocco aliquote

Roma, 23 mar. (askanews) - La delega per la riforma fiscale del governo Monti, che sostituirà quella targata Tremonti ferma in Parlamento, è il primo punto all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri di oggi, ma la sua approvazione non è del tutto scontata. Il governo potrebbe avviare un primo giro di tavolo e rimandare il via libera a un'altra riunione dei ministri anche per consentire il superamento di alcune preoccupazioni espresse dagli altri dicasteri. Intanto, il viceministro all'Economia, Vittorio Grilli, ha chiarito che l'intenzione del governo al momento è quella di non toccare le aliquote Irpef. "In questo momento non andiamo a riguardare le aliquote", ha detto Grilli. In particolare, dalle altre amministrazioni vengono chiesti al Tesoro ulteriori dettagli sul fondo per la riduzione della pressione fiscale che dovrà essere alimentato sia dal gettito della lotta all'evasione fiscale sia dal riordino delle agevolazioni e la 'tax expenditures'. Ancora incerto anche lo strumento legislativo da utilizzare per la delega. La discussione è rimandata direttamente al Cdm e resta da chiarire se si tratta di un disegno di legge delega indipendente da quello del precedente governo oppure un emendamento alla vecchia delega per non rischiare di allungare ulteriormente i tempi di approvazione. Inoltre, secondo il presidente della commissione Finanze del Senato, Mario Baldassarri, anche il dl fiscale all'esame di palazzo Madama potrebbe essere lo strumento idoneo a veicolare parti della delega. L'unico punto in comune fra le due deleghe è il riordino delle agevolazioni fiscali, mentre salta la cancellazione del'Irap e arriva lo stop alle tre aliquote Irpef delineate da Tremonti. I punti salienti del nuovo fisco targato Monti sono invece il catasto, il contenzioso e il prelievo sulle imprese. La bozza, inoltre, prevede la revisione delle agevolazioni fiscali e novità sulle sanzioni penali e gli interpelli. E ancora l'Iri al posto dell'Ires, 'carbon tax' sulle emissioni e gli sgravi Irpef finanziati dalla lotta all'evasione. Il governo avrà a disposizione 9 mesi per emanare uno o più decreti legislativi ed eventuali correttivi dovranno arrivare nei 18 mesi successivi. Ogni dlgs dovrà essere poi vagliato dalle commissioni parlamentari competenti. Una volta incassato l'ok il provvedimento sarà approvato definitivamente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari