lunedì 05 dicembre | 16:24
pubblicato il 22/set/2014 16:17

Fisco, Confedilizia: mettere ordine su Tasi, scongiurare aumenti

Analisi delibere Comuni segno dell'incertezza (ASCA) - Roma, 22 set 2014 - Occorre mettere ordine nel caos generato dalla Tasi e scongiurare ulteriori aumenti di tassazione. A sostenerlo il presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani.

"L'analisi delle delibere in materia di Tasi che la maggior parte dei Comuni ha approvato in questi ultimi giorni mette in evidenza piu' che mai una situazione di caos e di incertezza che non e' degna di un Paese civile. Nello stesso tempo, rischia di essere sottovalutato il fatto che l'ultima legge di stabilita' ha previsto un limite massimo all'aliquota Tasi esclusivamente per l'anno 2014: con la conseguenza che, a partire dal prossimo primo gennaio, i Comuni, in mancanza di un intervento legislativo, potrebbero arrivare ad applicare un'aliquota Tasi per l'abitazione principale del 6 per mille e senza la previsione di alcuna detrazione". Per Sforza Fogliani e' allora urgente intervenire per "rivedere l'intero impianto della Tasi, oltre che della stessa Imu".

Cos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari