venerdì 20 gennaio | 03:20
pubblicato il 05/apr/2013 16:33

Fisco: Confcommercio, pressione al 52% incompatibile con la ripresa

(ASCA) - Roma, 5 apr - ''Imprese e famiglie da troppo tempo sopportano una pressione fiscale tra le piu' alte in Europa ed e' questo il motivo per cui si sono ridotti i consumi, le imprese chiudono, gli investimenti si sono drasticamente ridotti. Le prospettive di ripresa dell'economia, dunque, sono del tutto inconciliabili con l'attuale livello della pressione fiscale''. Questo il commento di Confcommercio sui dati dell'Istat diffusi oggi sulla pressione fiscale che nel quarto trimestre del 2012 ha toccato il 52%.

'Pertanto - aggiunge la confederazione -, l'idea di passare dall'austerita' alla crescita si deve tradurre in concreti e immediati provvedimenti per rimettere al centro dell'economia l'impresa, l'occupazione e il rilancio della domanda interna. E il primo passo e' certamente quello di evitare il previsto aumento dell'Iva di luglio''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale