domenica 11 dicembre | 15:51
pubblicato il 07/set/2013 13:47

Fisco: Codacons, insostenibile. Non rispetta capacita' contributiva

(ASCA) - Roma, 7 set - Una pressione fiscale ''insostenibile'' che non solo danneggia l'economia e frena i consumi, ma addirittura rappresenta la principale forma di impoverimento degli italiani. Lo afferma in una nota il Codacons commentando lo studio diffuso oggi dalla Cgia di Mestre, secondo cui nel 2013 la pressione fiscale raggiungera' il 44,2% del Pil, un record mai toccato in passato, e ogni italiano versera' nel 2013 per imposte, tasse e contributi ben 11.629 euro. ''Il problema non e' solo quantitativo ma anche qualitativo - spiega il president Codacons, Carlo Rienzi - in quanto la tassazione si e' spostata dalle imposte dirette (Irpef) a quelle indirette (Iva), da quelle progressive a quelle che non rispettano il criterio della capacita' contributiva, impoverendo cosi' il ceto medio''. In tale quadro, Rienzi osserva, infatti, come ''non a caso nel nostro paese i poveri assoluti sono 4,8 milioni, quelli in stato di poverta' relativa addirittura quasi 10 milioni, il 15,8% della popolazione''. red-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina