venerdì 02 dicembre | 23:58
pubblicato il 15/apr/2014 13:24

Fisco: Cisl boccia ipotesi fusione tra Agenzia Entrate e Equitalia

Fisco: Cisl boccia ipotesi fusione tra Agenzia Entrate e Equitalia

(ASCA) - Roma, 15 apr 2014 - ''L'ipotesi, circolata sulla stampa, di fusione tra Agenzia delle Entrate ed Equitalia, se vera, configurerebbe un'ennesima scelta sbagliata del legislatore, utile solo a compromettere definitivamente il sistema fiscale, privandolo dell'indispensabile terzieta' della riscossione''. Lo sottolineano in una nota congiunta la Cisl confederale e la categoria dei bancari Fiba Cisl. ''Ben altro andrebbe fatto, per garantire migliori condizioni al cittadino nel rapporto con il fisco, che negare la separazione tra il soggetto accertatore (Agenzia delle Entrate) con il soggetto incaricato della riscossione (Equitalia): garantire l'autonoma di quest'ultimo ponendondolo sotto il diretto controllo del Ministero dell'Economia e delle Finanze'', sottolineano la Cisl e la Fiba. ''Ricondurre allo stesso Ministero l'interpretazione delle norme che il legislatore emana, oggi affidata all'Agenzia delle Entrate con grave rischio di conflitto di interessi; valorizzare la professionalita' del personale esattoriale, da anni ingiustamente costretto a subire denigrazioni, insulti e violenze. Ricordiamo altresi' che Equitalia, ad oggi, non e' costata un solo euro di soldi pubblici, autofinanziandosi con i proventi della sua attivita', attraverso i compensi percepiti dai contribuenti morosi, mentre in passato lo Stato versava centinaia di milioni di euro al sistema gestito da soggetti privati''.

La Cisl e la Fiba si impegneranno comunque, senza riserve, per ''impedire che i provvedimenti di riforma del sistema fiscale colpiscano, ancora una volta, i lavoratori, gia' fortemente penalizzati dal blocco del rinnovo contrattuale che dura ormai da 4 anni e costretti ad operare al limite della sostenibilita'.

Crediamo che lo Stato debba dimostrare maggior gratitudine nei confronti di questi lavoratori e metterli in condizione di offrire un vero servizio di qualita' ai cittadini.

Qualunque operazione possa essere decisa a carico del sistema della riscossione, i lavoratori dovranno continuare ad avere le stesse garanzie occupazionali e contrattuali che, da sempre, gli derivano dall'autonomia del settore''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari