domenica 11 dicembre | 08:58
pubblicato il 19/set/2014 14:33

Fisco, Cgia:in un comune capoluogo su due Tasi piu' cara dell'Imu

Studio sulla base di 97 delibere comunali (ASCA) - Roma, 19 set 2014 - Tasi piu' cara dell'Imu in un comune capoluogo su due. Questo almeno nel caso in cui i proprietari di prima casa abbiano un figlio convivente. Lo rileva la Cgia di Mestre. A questo risultato e' giunto l'ufficio studi della Cgia che ha analizzato le delibere di 97 comuni capoluoghi di provincia che hanno deliberato l'aliquota Tasi per l'anno in corso. I calcoli sono stati effettuati sulla base della rendita catastale media di ciascun ente locale. Si e' considerata una abitazione di tipo civile (sono tra quelle piu' diffuse, corrispondenti alla categoria catastale A2). Le aliquote e le detrazioni sono state estrapolate dalle delibere comunali pubblicate sul sito del Dipartimento delle Finanze.

Per i nuclei senza figli, invece, la situazione migliora: in due Comuni capoluogo su tre il nuovo tributo sulla prima casa sara' piu' leggero della vecchia Imu.

Red/Rbr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina