sabato 03 dicembre | 15:16
pubblicato il 09/gen/2013 15:27

Fisco: Cgia, Tares costera' agli italiani 2 mld piu' della Tarsu

Fisco: Cgia, Tares costera' agli italiani 2 mld piu' della Tarsu

(ASCA) - Roma, 9 gen - La Tares, che da quest'anno sostituira' la vecchia Tarsu (Tassa asporto rifiuti) e la Tia (Tariffa igiene ambientale), costera' agli italiani almeno 2 miliardi di euro in piu' (precisamente 1,9 miliardi di euro), e il gettito complessivo a carico dei contribuenti sara' di almeno 8 miliardi. E' l'allarme lanciato dalla Cgia di Mestre, che ha elaborato le stime sottraendo dalle spese assunte dalle stesse Amministrazioni comunali per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti (7 miliardi di euro) le entrate derivanti dall'applicazione della Tarsu o della Tia (6,1 miliardi di euro). ''La differenza tra i due importi - spiega la Cgia - da' luogo a 0,9 miliardi di euro; a questa cifra va aggiunto 1 miliardo di euro circa che viene ottenuto con l'applicazione della maggiorazione di 30 centesimi a metro quadrato prevista dalla Tares a carico del titolare dell'immobile. Questo miliardo e' stato stimato dalla Relazione tecnica allegata al decreto legge 'Salva Italia' del 2011''.

''Questi 2 miliardi circa costituiscono l'aggravio che i contribuenti pagheranno in piu' nel 2013 perche' con la Tares - spiega l'associazione - il legislatore ha stabilito che in ogni Comune le entrate di questa nuova imposta dovranno coprire interamente la spesa sostenuta per la realizzazione del servizio. Pertanto, in maniera ancora del tutto 'spannometrica' l'aggravio sara' di 0,9 miliardi a cui va sommato il miliardo derivate dall'applicazione dello 0,30 euro per metro quadrato''. In termini complessivi, sottolinea la Cgia, ''il costo della Tares sara' almeno di 8 miliardi di euro: 7 derivanti dal costo totale del servizio a cui va aggiunto il miliardo di gettito proveniente dall'applicazione della maggiorazione.

Si tratta di una cifra approssimata per difetto, poiche' i dati disponibili e registrati dai bilanci comunali non comprendono i costi dei Comuni che hanno esternalizzato il servizio''.

''Sia essa tassa o tariffa, quella sui rifiuti ha subito i maggiori rincari - ricorda Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre -. Negli ultimi 10 anni la spesa media per le famiglie italiane e' cresciuta del 60,9%. Se nel 2002 spendevamo 124 euro nel 2012 l'importo medio ha toccato i 327 euro. Ora con la Tares la situazione e' destinata a peggiorare. Speriamo che i Sindaci stiano molto attenti e introducano delle misure di esenzione a favore famiglie piu' in difficolta' al fine di contenerne l'impatto economico''. red-fch/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari