giovedì 23 febbraio | 22:11
pubblicato il 23/giu/2012 13:00

Fisco/ Cgia: Stato centrale prende tasse, sacrifici a enti locali

"L'84% nuove entrate all'erario, tagli soprattutto per autonomie"

Fisco/ Cgia: Stato centrale prende tasse, sacrifici a enti locali

Roma, 23 giu. (askanews) - Lo Stato centrale si prende le tasse mentre i sacrifici pesano sugli enti locali. Lo sostiene la Cgia di Mestre in base a un'analisi sulle manovre dei governi Berlusconi e Monti per il 2012, manovre correttive pari a 48,9 miliardi: 40,2 miliardi di nuove entrate e 8,7 di tagli alla spesa. Sul totale delle nuove entrate previste, infatti, l'84,4% finirà nelle casse dell'erario, mentre per i tagli la situazione "si ribalterà completamente". All'amministrazione centrale - sottolinea la Cgia - sarà chiesta una riduzione netta della spesa pari al 20,1% del totale, mentre "agli altri livelli di governo spetteranno i sacrifici maggiori. Gli enti locali subiranno un taglio pari al 51,4% del totale della spesa prevista e gli enti previdenziali il rimanente 28,6%". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
Mps
Mps, Ft: Bruxelles e Bce divise sul salvataggio
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech