venerdì 24 febbraio | 23:28
pubblicato il 04/gen/2014 12:06

Fisco: Cgia, nel 2013 pressione tra 53-63%. Inasprimento per 95% imprese

Fisco: Cgia, nel 2013 pressione tra 53-63%. Inasprimento per 95% imprese

(ASCA) - Roma, 4 gen 2014 - L'inasprimento fiscale ha ''colpito'' il 95% delle aziende presenti in Italia. La pressione fiscale su queste aziende oscilla tra il 53 e il 63%. La denuncia viene dalla Cgia di Mestre.

Per le microimprese - rileva uno studio degli artigiani di Mestre - si e' appena concluso un anno caratterizzato dall'ennesimo aumento delle tasse. Rispetto al 2012, le attivita' fino ai 10 addetti hanno subito un aggravio che va dai 270 ai 1.000 euro. Certo, sono importi non particolarmente pesanti: tuttavia si sono aggiunti ad un carico fiscale complessivo che per le attivita' di questa dimensione si attesta attorno a un dato medio che oscilla tra il 53 e il 63%. Un livello che in passato non era mai stato raggiunto. La denuncia e' sollevata dalla CGIA.

''Se nel 2013 una parte delle famiglie italiane ha beneficiato di un lieve calo della tassazione - dice il segretario Giuseppe Bortolussi - per le piccolissime imprese le cose sono andate diversamente. L'inasprimento fiscale ha interessato tutte le aziende con meno di 10 addetti che, ricordo, costituiscono il 95% delle imprese presenti nel nostro Paese''.

''Gli aumenti di tassazione registrati negli ultimi anni - sottolinea Bortolussi - sono da attribuire, in particolar modo, all'aumento dei contributi previdenziali in capo ai lavoratori autonomi, all'introduzione dell'Imu e della Tares.

Ad attenuare questi aggravi ci ha pensato il Salva Italia, che ha previsto la deducibilita' dal reddito di impresa dell'Irap relativa al costo del lavoro, e la legge di Stabilita' del 2013, che ha ulteriormente elevato le deduzioni Irap legate al numero di dipendenti. In linea di massima abbiamo riscontrato che all'aumentare del numero dei dipendenti diminuisce lo svantaggio fiscale. Oltre la soglia dei dieci dipendenti la situazione si inverte: nel rapporto dare/avere con il fisco, le aziende cominciano a guadagnare.

Peccato che al di sotto di questa soglia troviamo il 95% delle imprese italiane''.

Per il segretario della CGIA, comunque, il peggio dovrebbe essere alle nostre spalle: ''Con la diminuzione del carico fiscale su una parte importante delle famiglie italiane, i consumi interni dovrebbero ripartire, dando respiro anche alle attivita' commerciali e artigianali che vivono quasi esclusivamente della domanda interna. E' vero che i problemi vengono da lontano, tuttavia chiediamo al Governo Letta un ulteriore sforzo affinche' allarghi la detraibilita' dell'Imu sui beni strumentali e vigili sull'applicazione della Tasi che rischia di appesantire il carico fiscale su negozi e capannoni''. red/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech