domenica 04 dicembre | 07:04
pubblicato il 30/gen/2013 12:11

Fisco: Cgia Mestre, per Tares e 1* rata Imu stangata da 3,7 mld

Fisco: Cgia Mestre, per Tares e 1* rata Imu stangata da 3,7 mld

(ASCA) - Roma, 30 gen - Per le famiglie italiane si prospetta un inizio d'estate molto ''caldo''. Non tanto per le condizioni meteo, bensi' a causa del peso economico che le scadenze fiscali ''scateneranno'' tra giugno e luglio: piu' precisamente, ci si riferisce al pagamento, sull'abitazione principale, della prima rata dell'Imu, previsto verso la meta' di giugno, e al versamento della prima maxi rata della Tares (nuova tassa sull'asporto rifiuti) che verra' corrisposta ad inizio luglio. Secondo i calcoli effettuati dall'Ufficio studi della CGIA di Mestre, solamente per queste due imposte le famiglie dovranno ''sborsare'' 3,7 miliardi di euro: poco piu' di 2 miliardi per il versamento dell'Imu e quasi 1,7 miliardi di euro per il pagamento della prima maxi rata della Tares.

Inizialmente, ricorda la CGIA, per la Tares era previsto il versamento in 4 rate: a gennaio, ad aprile, a luglio e ad ottobre, dando comunque la facolta' a ciascuna Amministrazione comunale di variare le scadenze e il numero delle rate. Invece, le ultime modifiche legislative approvate nei giorni scorsi dal Parlamento hanno stabilito che il versamento della prima rata dovra' avvenire non prima del mese di luglio. Risultato? Il numero delle scadenze fiscali che si concentreranno ad inizio estate rischiano di lasciare al verde le famiglie italiane.

Il segretario della CGIA Mestre, Giuseppe Bortolussi, afferma che ''se teniamo conto che tra giugno e luglio e' prevista anche l'autoliquidazione Irpef - che tra il saldo 2012 e l'acconto 2013 costera' ai contribuenti 8,5 miliardi di euro circa - e che dal 1* luglio e' ormai certo l'aumento di un punto percentuale dell'aliquota Iva - dal 21% al 22% - il quadro che si prospetta la prossima estate e' molto preoccupante. Non e' da escludere che con l'ammontare di questi prelievi siano a rischio le vacanze estive di molte famiglie, con ricadute molto negative sulla principale industria italiana: il turismo''. red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari