giovedì 08 dicembre | 09:30
pubblicato il 12/mar/2014 13:59

Fisco: Cgia Mestre, da taglio cuneo penalizzate solo partite iva

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - Dal taglio del cuneo fiscale promesso dal governo saranno penalizzate solo le partite iva senza dipendenti. Lo stima la Cgia di Mestre, secondo la quale sia con il taglio dell'Irpef, sia con la riduzione dell'Irap, le attivita' che non hanno dipendenti non godranno di alcun beneficio.

Si tratta, secondo la Cgia, di una platea molto vasta considerato che il 70% circa dei lavoratori autonomi non ha dipendenti. Tra questi vi sono almeno 500 mila contribuenti la cui struttura e' talmente esigua da dubitare che debbano pagare l'imposta. ''Alla luce di cio' - esordisce Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia - chiediamo di accelerare l'entrata in vigore di quel provvedimento inizialmente incluso nella Legge di Stabilita' del 2013 che prevedeva l'istituzione di un fondo finalizzato ad escludere dall'applicazione dell'Irap le imprese individuali e i liberi professionisti senza dipendenti e con una dotazione minima di beni strumentali''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni