lunedì 23 gennaio | 18:22
pubblicato il 23/gen/2016 14:57

Fisco, Cgia: Iva, nel 2015 imprese hanno anticipato 5,8 miliardi

Effetto dell'introduzione del meccanismo dello split-payment

Fisco, Cgia: Iva, nel 2015 imprese hanno anticipato 5,8 miliardi

Roma, 23 gen. (askanews) - Nei primi 11 mesi del 2015 circa due milioni di imprese che hanno lavorato per la pubblica amministrazione "sono state costrette ad anticipare alle casse dello Stato 5,8 miliardi di euro". Lo sostiene la Cgia di Mestre, secondo cui questo è avvenuto a seguito dell'introduzione del meccanismo dello split-payment (scissione del pagamento dell'Iva).

"Oltre al danno - afferma il coordinatore dell'ufficio studi Paolo Zabeo - si è aggiunta anche la beffa. La nostra Pa non solo paga con un ritardo che non ha eguali nel resto d'Europa, ma dall'anno scorso salda le fatture senza pagare l'Iva al proprio fornitore. Dal gennaio del 2015, infatti, l'imposta la versa l'ente pubblico direttamente all'erario". Pertanto, "le imprese che lavorano per la Pa, oltre a subire tempi di pagamento irragionevolmente lunghi, scontano anche il mancato incasso dell'Iva, che ha peggiorato la grave situazione di liquidità in cui versano da anni moltissime aziende, soprattutto di piccola dimensione".

Nel 2015, spiega la Cgia, è entrato in vigore lo split-payment: la Pa trattiene l'Iva sulle fatture per beni e servizi ricevuti dalle imprese e la versa direttamente all'erario. Scopo di questo meccanismo "è contrastare l'evasione fiscale, ovvero di evitare che, una volta incassata l'Iva dal committente pubblico, l'azienda fornitrice non la versi all'erario. Il dipartimento delle Finanze ha riferito quindi che, nei primi 11 mesi dell'anno, l'Iva da split-payment (trattenuta dalla Pa) ammonta a 5,8 miliardi".

Il meccanismo "è sicuramente efficace nell'impedire che l'imprenditore disonesto incassi l'Iva dalla Pa e poi non la versi all'erario. Tuttavia, causa seri problemi finanziari a tutti coloro (la quasi totalità) che con l'evasione non hanno nulla a che fare". La stessa amministrazione finanziaria, "consapevole di questo problema, ha introdotto delle misure per accelerare il rimborso dell'Iva a credito".

"Lo split-payment, ad esempio - aggiunge la Cgia - consente la restituzione prioritaria dell'Iva a credito entro tre mesi dalla richiesta. Tuttavia, se si considera che è necessario presentare un'istanza infrannuale che abbraccia un periodo di tre mensilità, i tempi necessari per il rimborso potrebbero arrivare a sei mesi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Lavoro
Confindustria: dal 2014 occupazione cresce ma si ferma a metà 2016
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4