giovedì 08 dicembre | 19:58
pubblicato il 23/gen/2016 14:57

Fisco, Cgia: Iva, nel 2015 imprese hanno anticipato 5,8 miliardi

Effetto dell'introduzione del meccanismo dello split-payment

Fisco, Cgia: Iva, nel 2015 imprese hanno anticipato 5,8 miliardi

Roma, 23 gen. (askanews) - Nei primi 11 mesi del 2015 circa due milioni di imprese che hanno lavorato per la pubblica amministrazione "sono state costrette ad anticipare alle casse dello Stato 5,8 miliardi di euro". Lo sostiene la Cgia di Mestre, secondo cui questo è avvenuto a seguito dell'introduzione del meccanismo dello split-payment (scissione del pagamento dell'Iva).

"Oltre al danno - afferma il coordinatore dell'ufficio studi Paolo Zabeo - si è aggiunta anche la beffa. La nostra Pa non solo paga con un ritardo che non ha eguali nel resto d'Europa, ma dall'anno scorso salda le fatture senza pagare l'Iva al proprio fornitore. Dal gennaio del 2015, infatti, l'imposta la versa l'ente pubblico direttamente all'erario". Pertanto, "le imprese che lavorano per la Pa, oltre a subire tempi di pagamento irragionevolmente lunghi, scontano anche il mancato incasso dell'Iva, che ha peggiorato la grave situazione di liquidità in cui versano da anni moltissime aziende, soprattutto di piccola dimensione".

Nel 2015, spiega la Cgia, è entrato in vigore lo split-payment: la Pa trattiene l'Iva sulle fatture per beni e servizi ricevuti dalle imprese e la versa direttamente all'erario. Scopo di questo meccanismo "è contrastare l'evasione fiscale, ovvero di evitare che, una volta incassata l'Iva dal committente pubblico, l'azienda fornitrice non la versi all'erario. Il dipartimento delle Finanze ha riferito quindi che, nei primi 11 mesi dell'anno, l'Iva da split-payment (trattenuta dalla Pa) ammonta a 5,8 miliardi".

Il meccanismo "è sicuramente efficace nell'impedire che l'imprenditore disonesto incassi l'Iva dalla Pa e poi non la versi all'erario. Tuttavia, causa seri problemi finanziari a tutti coloro (la quasi totalità) che con l'evasione non hanno nulla a che fare". La stessa amministrazione finanziaria, "consapevole di questo problema, ha introdotto delle misure per accelerare il rimborso dell'Iva a credito".

"Lo split-payment, ad esempio - aggiunge la Cgia - consente la restituzione prioritaria dell'Iva a credito entro tre mesi dalla richiesta. Tuttavia, se si considera che è necessario presentare un'istanza infrannuale che abbraccia un periodo di tre mensilità, i tempi necessari per il rimborso potrebbero arrivare a sei mesi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni