giovedì 08 dicembre | 21:07
pubblicato il 20/ago/2013 14:27

Fisco: Cgia, da Gdf scovati 334 mld imponibile ma riscossioni al 12%

(ASCA) - Roma, 20 ago - Sono circa 408.000 i lavoratori in nero e gli evasori totali e paratotali scoperti dalla Guardia di Finanza tra il 2001 e il 2012 mentre l'imponibile recuperato dal contrasto all'evasione si aggira attorno ai 334 mld di euro. ''Se facciamo una media molto trilussiana - dichiara Giuseppe Bortolussi della CGIA - possiamo dire che in questi 12 anni, grazie al lavoro della Guardia di Finanza, sono venuti a galla mediamente 76 milioni di Euro al giorno''. La crescita dell'imponibile recuperato, sottolinea la Cgia, ''e' stata veramente esponenziale''. In termini assoluti si e' passati dai 15,28 mld di Euro accertati nel 2001 ai 50,77 mld nel 2012 (pari al + 232% registrato in questo intervallo di tempo), con risultati molto importanti conseguiti sia nel 2011 sia nel 2012. ''Non e' un caso che l'accertato abbia assunto dimensioni cosi' rilevanti proprio negli ultimi 2 anni - sottolinea Giuseppe Bortolussi - Il merito va alla politica adottata dall'Amministrazione finanziaria che ha intensificato in maniera encomiabile l'azione contro i grandi evasori.'' Piu' costante, invece, lo ''score'' ottenuto dal contrasto al lavoro nero. Nel periodo preso in esame sono state scoperte quasi 408.000 persone: circa 98.000 appartenevano alla categoria degli evasori totali (persone completamente sconosciute al fisco) e paratotali (vale a dire contribuenti che hanno occultato oltre il 50% del loro giro d'affari) e altri 310.000 svolgevano un' attivita' completamente o parzialmente in nero.

''Pur riconoscendo il risultato ottenuto - prosegue Giuseppe Bortolussi - il lavoro da fare e' ancora molto. Non dobbiamo dimenticare che le stime elaborate dall'Istat ci dicono che l'imponibile sottratto al fisco si aggira ogni anno attorno ai 275 miliardi di euro. Nel 2012, come dicevamo, grazie all'operato della Guardia di Finanza ne sono emersi 50,7 miliardi. Vale a dire circa il 18% del totale stimato''.

Infine, non va dimenticato che una cosa e' l'imponibile accertato e un'altra cosa e' la riscossione effettiva. Vale a dire i soldi che concretamente finiscono nelle casse dello Stato dopo i vari livelli di giudizio. ''Ebbene - conclude Bortolussi - le riscossioni effettive, seppur in forte aumento negli ultimi anni, si aggirano attorno al 12% dell'imponibile accertato. Un risultato ancora modesto che va assolutamente migliorato''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni