sabato 21 gennaio | 01:52
pubblicato il 02/feb/2013 12:52

Fisco: Cgia, cedolare secca non funziona. Quasi 1 mln affitti in nero

Fisco: Cgia, cedolare secca non funziona. Quasi 1 mln affitti in nero

(ASCA) - Roma, 2 feb - Fino ad ora la cedolare secca non ha funzionato: nei primi due anni l'Erario ha incassato 5 miliardi di euro in meno e gli affitti non dichiarati in Italia, ad oggi, sono quasi un milione. Lo stima l'Ufficio studi della Cgia, giunto a questo risultato partendo dal numero delle famiglie italiane che vivono stabilmente in affitto: secondo l'Istat sono circa 4.800.000. Ipotizzando che ognuna di queste famiglie risieda in una distinta unita' abitativa e' stato sottratto il numero delle abitazioni che i locatori (persone fisiche) dichiarano di affittare (2.700.000), le unita' immobiliari riconducibili all'edilizia pubblica (800.000) e quelle date in affitto dalle societa' (350.000).

Il risultato finale, rivela l'associazione, sfiora il milione di unita' (precisamente 950.000). Una cifra che, secondo la Cgia, e' sicuramente sottodimensionata, visto che non tiene conto dei ''contratti'' riferiti al milione e mezzo di studenti universitari che, per quasi tutto l'anno, risiedono fuori sede e quasi sempre non in abitazioni di proprieta'.

''E' l'ennesima dimostrazione - dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre - che il contrasto di interessi non funziona. Possiamo dare agevolazioni e sconti, ma la gente preferisce non pagare nulla piuttosto che pagare poco. Anziche' continuare ad accanirsi su chi e' conosciuto dal fisco, e' necessario anche in questo caso concentrare l'attivita' di contrasto all'evasione su chi opera completamente in nero attraverso una piu' incisiva attivita' di intelligence''.

Allo stato attuale non si puo' dire con assoluta certezza quanto ''nero'' sia emerso, comunque si ritiene che la ''cedolare secca'' abbia solo scalfito l'enorme sommerso che regna nel mercato senza intaccarlo in maniera decisa, conclude la Cgia, secondo cui nel 2011 il gettito incassato dalla ''cedolare secca'' e' stato molto inferiore alle attese: 675 milioni di euro contro 3.194 milioni attesi. Nel 2012 le cose non sono andate molto meglio: a fronte di 3,5 miliardi previsti, il fisco ne ha incassati solo 976 milioni.

com-rba/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4