lunedì 27 febbraio | 11:19
pubblicato il 11/mar/2014 15:06

Fisco: Centrella, no a guerre preventive. Vediamo cosa fara' Renzi

(ASCA) - Roma, 11 mar 2014 - ''Le guerre preventive in questo momento non hanno senso, c'e' semmai bisogno di capire quello che il governo Renzi fara' realmente da domani''. Lo ha dichiarato il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, intervistato dal Tgcom24 sulle misure fiscali che l'esecutivo avrebbe intenzione di varare.

''Siamo stati l'unico sindacato - ricorda - ad esprimere un forte e aperto dissenso sulle idee di Renzi, prima ancora che diventasse presidente del Consiglio. Oggi non abbiamo cambiato opinione, ma se davvero sul tavolo ci sono 10 miliardi di euro e se questi saranno utilizzati per tagliare le tasse a lavoratori, pensionati e famiglie, noi dell'Ugl, che chiediamo questo da anni, non potremmo che approvare tale scelta che e' l'unica in grado di creare crescita. Se invece cosi' non sara', non esiteremmo a dare la nostra risposta negativa''.

''Il taglio dell'Irap - spiega in conclusione Centrella -, alla luce di una produzione ancora troppo debole, non portera' maggiore occupazione, ma indurra' le imprese a risparmiare quelle stesse risorse''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech