sabato 03 dicembre | 23:11
pubblicato il 11/mar/2014 15:06

Fisco: Centrella, no a guerre preventive. Vediamo cosa fara' Renzi

(ASCA) - Roma, 11 mar 2014 - ''Le guerre preventive in questo momento non hanno senso, c'e' semmai bisogno di capire quello che il governo Renzi fara' realmente da domani''. Lo ha dichiarato il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, intervistato dal Tgcom24 sulle misure fiscali che l'esecutivo avrebbe intenzione di varare.

''Siamo stati l'unico sindacato - ricorda - ad esprimere un forte e aperto dissenso sulle idee di Renzi, prima ancora che diventasse presidente del Consiglio. Oggi non abbiamo cambiato opinione, ma se davvero sul tavolo ci sono 10 miliardi di euro e se questi saranno utilizzati per tagliare le tasse a lavoratori, pensionati e famiglie, noi dell'Ugl, che chiediamo questo da anni, non potremmo che approvare tale scelta che e' l'unica in grado di creare crescita. Se invece cosi' non sara', non esiteremmo a dare la nostra risposta negativa''.

''Il taglio dell'Irap - spiega in conclusione Centrella -, alla luce di una produzione ancora troppo debole, non portera' maggiore occupazione, ma indurra' le imprese a risparmiare quelle stesse risorse''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari