martedì 21 febbraio | 19:58
pubblicato il 04/ott/2013 11:27

Fisco: Ag.Entrate, trovate 1,2 mln 'case fantasma'. Rendite per 800 mln

Fisco: Ag.Entrate, trovate 1,2 mln 'case fantasma'. Rendite per 800 mln

(ASCA) - Roma, 4 ott - Oltre un milione di case finite nelle banche-dati catastali, rendite accertate per oltre 800 milioni, attribuzione a piu' di 492mila immobili di una rendita presunta complessiva di 288 milioni di euro. Sono questi i risultati dell'ultima fase della complessa attivita' di controllo sulle ''case fantasma'', i fabbricati sconosciuti al Catasto, che ha fatto emergere, su piu' di 2,2 milioni di particelle del Catasto Terreni, circa 1,2 milioni di unita' immobiliari urbane non censite nella base-dati catastale.

L'operazione, spiega l'Agenzia delle Entrate, e' stata realizzata grazie all'incrocio delle mappe catastali con le immagini aeree rese disponibili dall'Agea per ''avvistare'' cosi' i fabbricati presenti sul territorio ma non nelle banche dati catastali.

Vale piu' di 825 milioni di euro la somma delle rendite catastali che sono state associate agli immobili accertati e registrati nelle proprie banche dati. In particolare, 537 milioni di euro sono le rendite definitive, cioe' attribuite dopo che gli interessati hanno provveduto spontaneamente a presentare gli atti di aggiornamento del Catasto, mentre raggiungono il valore di 288 milioni di euro quelle presunte, cioe' attribuite d'ufficio, perche' gli immobili non erano stati accatastati volontariamente dai contribuenti alla data del 30 novembre 2012, giorno in cui si e' chiusa l'attivita' di accertamento sui fabbricati non dichiarati.

Sono 1,2 milioni le unita' immobiliari urbane censite al Catasto, grazie all'operazione di controllo. Di queste, quasi 769mila hanno trovato una rendita catastale definitiva, mentre a 492mila ne e' stata attribuita una presunta.

Secondo l'Agenzia delle Entrate, l'intera operazione ''case fantasma'' e' suscettibile di generare, nel caso in cui le rendite presunte fossero confermate, un maggior gettito complessivo quantificabile dal Dipartimento delle Finanze in circa 589 milioni di euro, di cui circa 444 milioni di euro ai fini Imu, circa 137 milioni di euro ai fini delle imposte sui redditi (Irpef e ''cedolare secca'') e circa 7,5 milioni di euro ai fini dell'imposta di registro sui canoni di locazione.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia