lunedì 05 dicembre | 15:27
pubblicato il 20/gen/2014 16:53

Fisco: Adusbef-Federconsumatori, caos pagamenti e scadenze (1Upd)

Fisco: Adusbef-Federconsumatori, caos pagamenti e scadenze (1Upd)

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - ''Al di la' delle vaghe rassicurazioni dei giorni scorsi, sono ancora molti i cittadini nel panico perche' ancora in attesa di ricevere i bollettini per il pagamento della Tares.

Intanto la scadenza del 24 si fa sempre piu' vicina''. Alcuni Comuni ''hanno messo a disposizione la possibilita' di scaricare dal web il proprio bollettino, ma di certo non e' una procedura alla portata di tutti''. Lo sottolineano i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, che si dicono pronti a ricorsi contro eventuali sanzioni. Le due associazioni ricordano inoltre ''a tale proposito, quanto disposto di cui all'articolo 5, comma 4-bis, Dl 102/2013: ''il comune predispone e invia ai contribuenti il modello di pagamento dell'ultima rata del tributo sulla base delle disposizioni regolamentari e tariffarie di cui ai commi precedenti'', e la disposizione generale di cui all'articolo 10, legge 212/2000 che sancisce che nessuna sanzione va applicata se il ritardo e' causato dall'amministrazione finanziaria''.Ulteriore confusione proviene inoltre dal versante mini-Imu, il cui importo medio a famiglia sara' di 41 Euro e la cui scadenza per il pagamento coincide con la data del 24. ''Gli uffici dei CAF ed i commercialisti continuano ad essere presi d'assalto e molti temono che, visti i tempi ristretti, non saranno in grado di calcolare e versare per tempo quanto dovuto.

L'appello al governo e' quello di fare chiarezza, semplificare e rendere piu' equo il sistema di tassazione che, al momento risulta quanto mai iniquo ed incerto. Il caos e la confusione creati su questo versante stanno riportando, infatti, effetti deleteri su tutti i fronti: da quello economico, dal momento che le famiglie, fino a quando non sapranno esattamente gli importi dovuti all'Erario e le relative scadenze non saranno messi nelle condizioni di programmare consumi di nessun tipo; da quello socio-politico, visto che tale situazione alimenta sempre di piu' la gia' dilagante disaffezione dei cittadini nei confronti della politica'', concludono le associazioni dei consuamtori.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari