martedì 28 febbraio | 13:35
pubblicato il 20/gen/2014 16:53

Fisco: Adusbef-Federconsumatori, caos pagamenti e scadenze (1Upd)

Fisco: Adusbef-Federconsumatori, caos pagamenti e scadenze (1Upd)

(ASCA) - Roma, 20 gen 2014 - ''Al di la' delle vaghe rassicurazioni dei giorni scorsi, sono ancora molti i cittadini nel panico perche' ancora in attesa di ricevere i bollettini per il pagamento della Tares.

Intanto la scadenza del 24 si fa sempre piu' vicina''. Alcuni Comuni ''hanno messo a disposizione la possibilita' di scaricare dal web il proprio bollettino, ma di certo non e' una procedura alla portata di tutti''. Lo sottolineano i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, che si dicono pronti a ricorsi contro eventuali sanzioni. Le due associazioni ricordano inoltre ''a tale proposito, quanto disposto di cui all'articolo 5, comma 4-bis, Dl 102/2013: ''il comune predispone e invia ai contribuenti il modello di pagamento dell'ultima rata del tributo sulla base delle disposizioni regolamentari e tariffarie di cui ai commi precedenti'', e la disposizione generale di cui all'articolo 10, legge 212/2000 che sancisce che nessuna sanzione va applicata se il ritardo e' causato dall'amministrazione finanziaria''.Ulteriore confusione proviene inoltre dal versante mini-Imu, il cui importo medio a famiglia sara' di 41 Euro e la cui scadenza per il pagamento coincide con la data del 24. ''Gli uffici dei CAF ed i commercialisti continuano ad essere presi d'assalto e molti temono che, visti i tempi ristretti, non saranno in grado di calcolare e versare per tempo quanto dovuto.

L'appello al governo e' quello di fare chiarezza, semplificare e rendere piu' equo il sistema di tassazione che, al momento risulta quanto mai iniquo ed incerto. Il caos e la confusione creati su questo versante stanno riportando, infatti, effetti deleteri su tutti i fronti: da quello economico, dal momento che le famiglie, fino a quando non sapranno esattamente gli importi dovuti all'Erario e le relative scadenze non saranno messi nelle condizioni di programmare consumi di nessun tipo; da quello socio-politico, visto che tale situazione alimenta sempre di piu' la gia' dilagante disaffezione dei cittadini nei confronti della politica'', concludono le associazioni dei consuamtori.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Brexit
Brexit può costare cara all'Italia sul contibuto al bilancio Ue
Generali
Generali, Donnet: le prospettive sui conti vanno benissimo
Piaggio
Piaggio accelera: nel 2016 utile sale a 14 milioni (+18,3%)
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech