giovedì 08 dicembre | 01:45
pubblicato il 27/gen/2011 16:38

Fiom/ Domani 8 ore sciopero contro l'attacco ai diritti in Fiat

Manifestazioni regionali nelle principali zone industriali

Fiom/ Domani 8 ore sciopero contro l'attacco ai diritti in Fiat

Roma, 27 gen. (askanews) - Domani protestano le tute blu della Fiom per lo sciopero generale di 8 ore della categoria contro l'attacco ai diritti sindacali e dei lavoratori portato dagli accordi separati su contratto nazionale e deroghe per il settore auto e dalle intese per gli stabilimenti Fiat di Pomigliano d'Arco e Mirafiori. Per i metalmeccanici della Cgil si tratta di un'iniziativa "necessaria" perché "siamo di fronte a un atto antisindacale, antidemocratico e autoritario della Fiat che non ha precedenti nella storia del paese". La protesta si articolerà con manifestazioni regionali che si svolgeranno non nei rispettivi capoluoghi, ma in zone industriali caratterizzate dalla presenza di impianti o sedi del gruppo Fiat o dalla presenza di aziende in cui sono in corso lotte a difesa del posto di lavoro. In Emilia-Romagna, lo sciopero è stato anticipato a oggi. La manifestazione principale si è tenuta a Bologna con i comizi dei leader della Cgil, Susanna Camusso, e della Fiom, Maurizio Landini. Con le tute blu in piazza sono scesi anche gli studenti, i movimenti e le forze politiche della sinistra. Tra le principali manifestazioni in programma domani, riflettori puntati su Torino dove il corteo di lavoratori e studenti partirà da Porta Susa per dirigersi in piazza Castello dove è previsto il comizio del segretario nazionale della Fiom, Giorgio Airaudo. Il leader delle tute blu della Cgil, Landini, sarà invece a Milano. A Bolzano è previsto un presidio davanti allo stabilimento Iveco, mentre a Udine il comizio si terrà di fronte alla sede di Confindustria. Iniziative inoltre a Massa davanti allo stabilimento della Eaton; a Perugia di fronte alla locale concessionaria Fiat; a Cassino vicino alla stazione ferroviaria; a Termoli, dove ha sede uno stabilimento del gruppo Fiat; a Pomigliano D'Arco, sede dello stabilimento auto del Lingotto; a Melfi nella cui zona industriale (San Nicola di Melfi) ha sede il più grande stabilimento Fiat auto del Mezzogiorno; e a Termini Imerese, dove c'è l'impianto auto che la Fiat intende chiudere a dicembre di quest'anno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni