venerdì 20 gennaio | 13:58
pubblicato il 12/mar/2013 18:25

Finmeccanica: Uilm, Ansaldo Breda ed Energia non saranno cedute a breve

(ASCA) - Roma, 12 mar - ''L'incontro ha avuto un esito positivo, perche' abbiamo apprezzato la propensione del 'management' del Gruppo a dare rilievo alla prospettiva industriale dell'azienda rispetto a ogni ipotesi di ingegneria finanziaria. Abbiamo apprezzato questa scelta di campo''. Cosi' Giovanni Contento, segretario nazionale della Uilm, riassume il giudizio finale sulle enunciazioni rivolte oggi pomeriggio ai rappresentanti sindacali da Alessandro Pansa, Amministratore delegato di Finmeccanica.

''Alessandro Pansa - ha riferito il dirigente sindacale - ci ha rappresentato risparmi di bilancio, riferiti all'esercizio 2012 e dovuti a scelte di efficientamento e riduzione dei costi per 247 milioni di euro; un 'cash flow', quindi, positivo; nel 2013 l'azienda investira' circa un miliardo e 100 milioni per sviluppo della tecnologia e prodotti; il rammarico per il mancato apporto dalla Legge 808 che e' stata finanziata per soli 10 milioni di euro rivolti all'intero sistema Italia, quando un diretto concorrente come la Francia usufruisce di investimenti sullo stesso settore per 3 miliardi di euro''. L'amministratore delegato del Gruppo ha anche toccato i temi del settore civile: ''Ansaldo Breda e Ansaldo Energia - ha riportato Contento - non saranno al momento cedute e a breve termine non si determineranno scelte in tal senso, perche' e' ora il governo che deve decidere se dovranno rimanere nel perimetro di Finmeccanica e all'interno degli interessi nazionali. Se cosi' sara', pero', lo stesso esecutivo dovra' trovare le giuste risorse perche' tale scelta possa essere sostenibile''. Il segretario nazionale della Uilm ha particolarmente apprezzato il senso della prospettiva indicato dall'Ad di Finmeccanica: ''ci ha convinto perche' si e' impegnato a favorire attivita' relative allo sviluppo di tecnologie e del 'business'; a determinare, insomma, concrete efficienze per la crescita della produttivita' determinante per reggere la concorrenza sui mercati e tutelare l'occupazione. Oggi ci siamo confrontati con un gruppo dirigente determinato industrialmente, ma umile nel modo di porsi''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale