lunedì 05 dicembre | 21:55
pubblicato il 01/dic/2011 21:22

Finmeccanica/ Si chiude l'era Guarguaglini, Orsi nuovo presidente Finmeccanica

La decisione al termine del consiglio di amministrazione, l'addio dell'ex numero uno dopo nove anni

Finmeccanica/ Si chiude l'era Guarguaglini, Orsi nuovo presidente Finmeccanica

Roma, 1 dic. (askanews) - Con le dimissioni rassegnate al consiglio di amministrazione si chiude dopo 9 anni l'era di Pier Francesco Guarguaglini alla guida di Finmeccanica. Sotto la sua gestione, la holding dell'aerospazio e della difesa è diventata un attore di primo piano nel panorama internazionale con un giro d'affari nel 2010 di 18,7 miliardi, ordini per 22,5 miliardi, un utile netto di 557 milioni e circa 75mila addetti in tutto il mondo. Arrivato al comando di Finmeccanica nel 2002 il 74enne manager nato a Castagneto Carducci in provincia di Livorno, declina la sua strategia concentrandosi sui business dell'aerospazio e della difesa. Un'azione che passa anche attraverso un programma di acquisizioni internazionali che accrescono il peso della società a livello mondiale. In particolare nel settore elicotteristico con la britannica Westland dando vita ad AgustaWestland e nella difesa con la statunintense Drs. Operazioni che consentono alla holding italiana di considerare Uk e Usa come 'mercati domestici'. Guarguaglini resta saldo al comando fino al 4 maggio 2011 quando, già coinvolto nell'inchiesta Enav-Selex (insieme alla moglie Marina Grossi, ad di Selex Sistemi Integrati), lascia la poltrona di ad a Giuseppe Orsi conservando quella di presidente con ampie deleghe. Una convivenza che, malgrado le dichiarazioni pubbliche, non si rivela tutt'altro che facile. A peggiorare la situazione la crisi economica e i consistenti tagli ai busget della Difesa a livello mondiale e la rivolta in Libia, mercato dove Finmeccanica, è ben presente. I primi nove mesi di chiudono con una perdita di 324 milioni e anche le previsioni per l'intero anno indicano "una perdita significativa". Gli ultimi sviluppi dell'inchiesta appesantiscono ulteriormente la posizione di Guarguaglini e le pressioni per una sua uscita si fanno di fatto insostenibili. Si arriva così all'epilogo di oggi. Guarguaglini si dimette e il cda sceglie la soluzione interna, la più logica e la meno dirompente con Orsi che assume la carica di presidente che va a cumulare a quella di ad.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari