lunedì 27 febbraio | 12:13
pubblicato il 19/nov/2013 13:12

Finmeccanica: Selex ES, contratto Nato per equipaggiamenti radar AM

(ASCA) - Roma, 19 nov - Selex ES, una societa' Finmeccanica, si e' aggiudicata un contratto del valore di 3 milioni di euro dalla Nato Support Agency (NSPA) per la fornitura di quattro interrogatori NGIFF (New Generation Interrogator Friend or Foe) SIR-M5-E per piattaforme a lungo raggio. Gli interrogatori equipaggeranno i quattro sistemi radar di difesa aerea FPS-117 dell'Aeronautica Militare italiana, prodotti da Lockheed Martin.

Selex ES e', si legge in una nota, leader mondiale nel settore degli interrogatori e trasponditori NGIFF Modo 5, con un vasto portafoglio di ordini nazionali e da paesi NATO per ogni tipo di piattaforma terrestre, navale e avionica. Il SIR-M5-E e' il modello Long Range (oltre 450 km di portata) della famiglia di interrogatori NGIFF Modo 5 Livello 1 e Livello 2 prodotti da Selex ES, sviluppato e qualificato in accordo agli standard Nato (STANAG 4193) e US (AIMS 03-1000A). I SIR-M5 rappresentano l'evoluzione degli interrogatori per applicazioni militari navali e terrestri, per rilevare la natura amica o nemica dei mezzi aerei e navali presenti nel raggio di sorveglianza.

Le caratteristiche del Modo 5 - spiega la societa' - consentono al SIR-M5-E di riconoscere un assetto aereo in modo inequivocabile, anche in un contesto di forze amiche e nemiche estremamente promiscuo e in elevate condizioni di disturbo elettromagnetico. Per la gestione del Modo 5, il SIR-M5-E fa uso del modulo criptografico SDU (Secure Data Unit) realizzato da Selex ES, il primo ad essere certificato per l'uso del Modo 5, sviluppato al di fuori degli USA.

Questa acquisizione - sottolinea la societa' - dimostra l'elevato livello di interoperabilita' e standardizzazione raggiunto dai prodotti di Selex ES, che risultano perfettamente integrabili con sistemi radar di altri produttori internazionali. La fornitura segue l'ordine di gennaio 2012 del Ministero della Difesa per due SIR-M5-E, destinati ad equipaggiare i due sistemi radar mobili di difesa aerea TPS-77, anch'essi prodotti da Lockheed Martin, e in forza all'Aeronautica Militare italiana.

com-lcp/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech