venerdì 02 dicembre | 23:38
pubblicato il 28/ago/2013 10:50

Finmeccanica: IBL, no cessione asset civili a Fsi

(ASCA) - Roma, 28 ago - La cessione da parte di Finmeccanica del pacchetto in Ansaldo Energia e di una quota di Ansaldo Sts al Fondo strategico italiano sarebbe ''l'ennesimo segno della progressiva re-Irizzazione della politica italiana''.

L'Isituto Bruno Leoni boccia le indiscrezioni di stampa di questa mattina circa un'ipotesi in tal senso.

''La via maestra, piu' che la cessione di Ansaldo Energia o Ansaldo Sts di per se' - afferma Carlo Stagnaro, direttore ricerche e studi dell'IBL -, dovrebbe essere la privatizzazione in blocco di Finmeccanica. Se pero' questa prospettiva non e' percorribile (a dispetto delle dichiarazioni del premier Letta sul fantomatico piano di privatizzazioni programmato per l'autunno) allora quanto meno la cessione delle attivita' civili puo' essere un segno positivo di disimpegno dello Stato. Ma cio' e' vero se e solo se la vendita si rivolge al privato. La finanza creativa e la costruzione di gigantesche holding pubbliche non e' la via dello sviluppo ma quella della decadenza''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari