lunedì 27 febbraio | 19:39
pubblicato il 24/nov/2011 08:56

Finmeccanica/ Guarguaglini: Non lascio,nè Monti me lo ha chiesto

Rispondo solo a Governo.Mia moglie resta ma è situazione diversa

Finmeccanica/ Guarguaglini: Non lascio,nè Monti me lo ha chiesto

Roma, 24 nov. (askanews) - "Non ho nessuna intenzione di andarmene " e "nessuno mi ha chiesto di farmi da parte: nè il Presidente del Consiglio Mario Monti, perchè la sua era solo una battuta, nè il Sottosogegretario alla Presidenza Antonio Catricalà nel discorso che ci siamo fatti ieri a palazzo Chigi". E' l' 'hic manebimus optime' del numero uno di Finmeccanica Pierfrancesco Guarguaglini, all'indomani dell'incontro a palazzo Chigi alla luce della nuova bufera giudiziaria sull'azienda di Stato che lo vede ancora una volta nell'occhio del ciclone, insieme alla moglie Marina Grossi, amministratrice della controllata di Finmeccanica Selex Sistemi Integrati. "In lei - ha sottolineato Guarguaglini, intervistato dal 'Fatto Quotidiano' - ho piena fiducia: sono sicuro che ne uscirà completamente pulita, è una persona professionalmente valida e moralmente forte". E anche lei "pensa che è restando al suo posto che fa l'interesse della società e dei dirigenti perchè le dimissioni sono interpretate come ammissioni di colpevolezza". In ogni caso, però', ha altresì avvertito Guarguaglini, le rispettive personali "non sono situazioni equiparabili" perchè "io sono in una situazione diversa: non ho ricevuto alcuna contestazione" Quanto all'incontro con Catricalà a palazzo Chigi e alla pioggia di richiesta di dimissioni dalla stessa maggioranza che sostiene Monti, "Tutti dicono che resisto al mio posto e nessuno capisce che cerco solo di capire quele è il bene della mia società". E in ogni caso finora "nessuno nel Governo mi sta facendo pressioni in questo senso". Così' come da palazzo Chigi "non c'è stata nessuna convocazione" perchè "sono stato io a chiedere un incontro con il sottosegretario Catricalà che non mia chiesto di dimettermi. Più in generale, "se permette - ha voluto sottolineare ancora il presidente di Finmeccanica- penso di distinguermi da Silvio Berlusconi per varie ragioni. Non ho nemmeno ricevuto un avviso di garanzia, per la questione Diginit non sono stato nemmeno indagato e ad oggi nessun manager del gruppo è stato nemmeno rinviato a giudizio. Penso quindi il mio ruolo è solo quello di capire cosa pensa l'azionista di maggioranza della società, cioè il governo" e "poi prendere la decisione giusta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech