lunedì 05 dicembre | 05:23
pubblicato il 26/set/2013 12:41

Fincantieri: formazione dei manager insieme al Politecnico Milano

(ASCA) - Monfalcone (Go), 26 set - Ha preso avvio oggi, presso il centro di formazione dello stabilimento di Monfalcone, il percorso di ''Project Management Advanced'' che Fincantieri realizza in collaborazione con il MIP, la Business School del Politecnico di Milano, uno dei piu' prestigiosi enti di formazione manageriale a livello internazionale, in grado di integrare il know-how specialistico della componente accademica con la concretezza e la professionalita' del mondo della consulenza e dell'azienda.

Quest'iniziativa si inquadra nell'ambito della creazione della ''Corporate University'' di Fincantieri al fine di favorire al meglio il processo di sviluppo e condivisione di competenze avanzate che spaziano dagli economics, all'innovazione al change management.

Nello specifico, il percorso di Project Management Avanzato, articolato in 12 sessioni, e che coinvolgera' complessivamente 50 tra Dirigenti e quadri (area cruise e area militare), e' focalizzato sui contenuti tecnico-gestionali necessari per condurre progetti internazionali di grande complessita'. Il corso si articolera' in sessioni accademiche e testimonianze aziendali, interne ed esterne, che favoriranno in manager gia' esperti lo scambio di competenze e l'acquisizione di tecniche all'avanguardia.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari