venerdì 24 febbraio | 16:33
pubblicato il 18/ott/2013 12:22

Fincantieri: Bono, Italia presidi Mediterraneo. Piu' attenzione a Marina

Fincantieri: Bono, Italia presidi Mediterraneo. Piu' attenzione a Marina

ASCA) - Roma, 18 ott - ''Siamo piattaforma logistica dell'Europa nel Mediterraneo, un Mediterraneo allargato fino al Golfo Persico, al Mozambico, a Nigeria ed Angola, con un potenziale di popolazione al 2020 di 525 milioni di persone, con il 19% dei traffici mondiali e il 30% di quelli petroliferi. Dobbiamo avere capacita' e orgoglio di dire che il Mediterraneo e' mare nostrum e vogliamo presidiarlo noi, tenendo quindi in considerazione le esigenze della Marina militare''. Lo ha detto l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, in audizione alla IV commissione difesa della Camera nell'ambito dell'indagine conoscitiva sui sistemi d'arma in vista del prossimo consiglio europeo di difesa di dicembre. Per Bono, ''dobbiamo fronteggiare l'instabilita' dei paesi che abbiamo di fronte con un presidio molto piu' forte di quello fatto finora'', che significa ''dotarsi di una Marina militare che possa assolvere a tutti questi compiti''.

Dal punto di vista industriale, la posizione italiana nei confronti del processo di integrazione della difesa europea in discussione a dicembre secondo l'ad di Fincantieri dovrebbe portare il nostro paese ''che con Finmeccanica e Fincantieri e' in grado di fare sul militare prodotti tutti italiani, ad avere il coraggio di dire chiaramente: alcune cose le facciamo noi altre voi''. Nel settore navale, ad esempio, ''l'Italia con Fincantieri, azienda tutta dello Stato con risultati positivi, e' il quarto costruttore al mondo (i primi tre sono coreani, ndr) con 21 cantieri a livello globale 8 dei quali in Italia''. Come ''terzo gruppo meccanico nazionale'', Fincantieri pero' segnala che ''la Marina italiana incide oggi sul bilancio aziendale solo per il 7%, ci sono due sottomarini in costruzione, le fregate Fremm 7 e 8 gia' contrattualizzate, nel 2015 saranno contrattualizzate le Fremm 9 e 10 poi piu' niente''. ''La Marina - ha aggiunto Bono -, come ha ricordato gia' il capo di stato maggiore De Giorgi, se si continua cosi' non ci sara' piu'. Il programma di De giorgi e' invece molto complesso, ridisegna la Marina del futuro. Bisogna decidere cosa fare, a 10, 15 o 20 anni. Al 2025 38 navi di 60 saranno obsolete, peraltro con tanto personale a bordo quando si va sempre piu' verso navi ad alta automazione''. ''Molto dipende da cosa dira' questa legge di stabilita' per il settore, e molto dipende dal Parlamento'', ha concluso Bono, segnalando poi come ''Fincantieri sia probabilmente l'unica azienda italiana che non riceve una lira dallo Stato per la ricerca''.

gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide:asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech