domenica 11 dicembre | 01:36
pubblicato il 05/feb/2014 11:19

Fieragricola: domani l'inaugurazione a Verona con Martina e De Castro

(ASCA) - Verona, 5 feb 2014 - Apre domani la 111a edizione di Fieragricola, in programma a Verona fino a domenica. Il presidente di Veronafiere, Ettore Riello, e il direttore generale, Giovanni Mantovani, riceveranno le numerose autorita' previste per l'inaugurazione della rassegna internazionale dedicata al comparto primario. Sara' il sottosegretario alle Politiche agricole con delega all'Expo, Maurizio Martina, a tagliare il nastro, insieme con il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro.

Sono attese anche numerose autorita' dall'estero, dal ministro agricolo della Lituania, Vigilijus Jukna, al direttore dell'Agenzia governativa facente capo al ministero dell'Agricoltura del Marocco, Mohamed El Guerrouj, al vicedirettore della Commissione Agricoltura di Bruxelles, Jose' Manuel Souza Uva. Quest'ultimo e' fra i relatori, insieme agli onorevoli Martina e De Castro, del professor Francesco Marangon, presidente della Societa' italiana di economia agraria, del convegno inaugurale (ore 11,15, Auditorium Verdi) su ''Agricoltura europea tra nuova Pac e mercati globali''.

Gli interventi saranno preceduti dai saluti del numero uno di Veronafiere, Ettore Riello, del sindaco di Verona, Flavio Tosi, del presidente della Provincia, Giovanni Miozzi, del governatore del Veneto, Luca Zaia. Modera il giornalista Paolo De Debbio.

Sotto la lente, le opportunita' per l'agricoltura italiana ed europea alla luce della Politica agricola comune recentemente approvata e gli scenari futuri sui mercati internazionali, preso atto che la globalizzazione e le dinamiche di crescita di importanti realta' come Cina, Russia e Sudamerica hanno riflessi concreti anche sull'andamento dei listini all'interno dell'Unione europea.

L'Italia e' chiamata, nelle prossime settimane, a declinare su scala nazionale i criteri che la Politica agricola comune ha delegato agli Stati membri. Altri Paesi, in misura variabile competitori diretti dell'Italia, hanno gia' annunciato come si muoveranno. La Spagna ha fissato a 300 euro il limite minimo per la domanda di contributi Pac, la Germania spostera' dal 2015 il 4,5% dei fondi dal primo al secondo pilastro (dagli aiuti diretti allo sviluppo rurale); ai giovani sara' riconosciuto un pagamento addizionale di 50 euro per ettaro nel primo pilastro. Il Regno Unito ha annunciato che non ampliera' la ''black list'' comunitaria sull'agricolture attivo, ma ha pianificato un trasferimento dei fondi dal primo al secondo pilastro del 10,6%, prevedendo di arrivare al 15% nel 2019. La Francia trasferira' il 3% dei fondi dal primo al secondo pilastro e utilizzera' tutto l'aiuto accoppiato - pari al 13% dei fondi assegnati - per la zootecnia da carne (675 milioni di euro) e da latte (140 milioni).

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina