domenica 04 dicembre | 11:43
pubblicato il 23/set/2012 05:11

Fiat/Vertice governo,impegno a "salvaguardare presenza in Italia"

L'Azienda: investimenti in Italia quando idonei

Fiat/Vertice governo,impegno a "salvaguardare presenza in Italia"

Roma, 23 set. (askanews) - Nell'incontro con il governo i vertici di Fiat hanno "manifestato l'impegno a salvaguardare la presenza industriale del gruppo in Italia, anche grazie alla sicurezza finanziaria che deriva soprattutto dalle attività extraeuropee". E' quanto si legge nel comunicato congiunto diffuso al termine dell'incontro di ieri pomeriggio a palazzo Chigi. I vertici Fiat "hanno confermato la strategia dell'azienda a investire in Italia, nel momento idoneo, nello sviluppo di nuovi prodotti per approfittare pienamente della ripresa del mercato europeo", prosegue la nota congiunta diramata al termine del confronto, durato oltre 5 ore. Al termine della riunione di palazzo Chigi, Governo e Fiat "hanno concordato di impegnarsi per assicurare nelle prossime settimane un lavoro congiunto utile a determinare requisiti e condizioni per il rafforzamento della capacità competitiva dell'azienda". In particolare, "un apposito gruppo di lavoro sarà costituito presso il MISE per individuare gli strumenti per rafforzare ulteriormente le strategie di export del settore automotive".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari