sabato 25 febbraio | 08:07
pubblicato il 02/dic/2011 13:41

Fiat/Marchionne:Impensabile che non siamo interessati a Italia

Non in dubbio nostra sopravvivenza finanziaria

Fiat/Marchionne:Impensabile che non siamo interessati a Italia

Bruxelles, 2 dic. (askanews) - "completamente impensabile arrivare alla conclusione che la Fiat non sia interessata agli 80mila dipendenti in Italia, paese in cui è stata fondata 112 anni fa e che ci sta a cuore". quanto ha detto l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne a Bruxelles. Riferendosi ai rischi di implosione dell'euro, che precedentemente aveva detto di non poter escludere al 100 per cento, Marchionne ha poi aggiunto: "La sopravvivenza finanziaria della Fiat non è in dubbio, anche nell'eventualità di una calamità assoluta in Italia che avrebbe effetti disastrosi sulle aziende italiane. "Fortunatamente - ha sottolineato l'ad di Fiat - abbiamo creato una realtà industriale fuori (dall'Italia, ndr); questo non significa che stiamo allentando l'impegno che abbiamo per il paese per lo sviluppo delle nostre attività".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech