sabato 03 dicembre | 19:11
pubblicato il 26/lug/2011 15:48

Fiat/ Utile secondo trimestre sale a 1,237 mld, con Chrysler

Rivisti a rialzo target 2011, atteso utile netto di circa 1,7 mld

Fiat/ Utile secondo trimestre sale a 1,237 mld, con Chrysler

Roma, 26 lug. (askanews) - Fiat chiude il secondo trimestre 2011 con un utile netto di 1,237 miliardi, influenzato da proventi netti atipici di 1.058 milioni di euro, determinati dalla valutazione della quota detenuta in Chrysler in conseguenza del consolidamento, al netto di altri oneri atipici. Senza considerare tali componenti atipiche e il relativo effetto fiscale, l'utile netto sarebbe pari a 156 milioni di euro. Escludendo Chrysler, l'utile netto depurato delle componenti atipiche, sarebbe pari a 76 milioni di euro (in miglioramento di 68 milioni di euro rispetto al secondo trimestre 2010). Dopo il consolidamento di Chrysler e il miglioramento dei risultati delle altre attivita' di Fiat, il gruppo rivede al rialzo i target per l'anno in corso, con ricavi attesi di oltre 58 miliardi di euro, utile della gestione ordinaria di circa 2,1 miliardi di euro e utile netto di circa 1,7 miliardi di euro. L'indebitamento netto industriale consolidato del gruppo e' atteso tra 5,0 e 5,5 miliardi di euro circa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari