lunedì 20 febbraio | 12:42
pubblicato il 19/set/2014 16:29

Fiat: un altro anno di cigs a Mirafiori in attesa del suv Maserati

Accordo tra azienda e sindacati firmatari del contratto (ASCA) - Torino, 19 set 2014 - Un altro anno di cigs per riorganizzazione aziendale a Mirafiori. E' il senso dell'accordo siglato oggi tra i sindacati firmatari del contratto (Fim, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione quadri) e la Fiat. Il provvedimento che riguarda formalmente i circa 6200 dipedenti del ''Polo del Lusso'', formato dalle tre unita' produttive di Grugliasco, l'Unita' sottogruppo Lastratura e Mirafiori, ma in realta' applicato soprattutto ai dipendenti di Mirafiori (oggi impegnati nella sola produzione della Mito, per pochi giorni al mese) e' in vigore fino al 27 settembre 2015. Il 28 settembre prossimo infatti scadra' l'anno di cigs gia' concordato. L'azienda non ha fornito ulteriori particolari sull'avvio della produzione della nuova vettura Maserati a Mirafiori, il suv Levante, limitandosi a richiamare quanto detto nei giorni scorsi dall'ad Sergio Marchionne, vale a dire entro il 2015. Secondo fonti sindacali le prime vetture preserie dovrebbero essere completate a cavallo tra il primo e il secondo semestre del prossimo anno.

——————————————(Segue) Eg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Consumi
Cresce la fiducia, 1 italiano su 5 pronto a fare acquisti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia