domenica 19 febbraio | 17:45
pubblicato il 10/giu/2014 17:21

Fiat: Uilm, rotte trattative su contratto. Manca intesa su una tantum

(ASCA) - Roma, 10 giu 2014 - Nulla di fatto nella trattativa tra Fiat, Fim, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione Quadri, sul rinnovo del contratto collettivo di Gruppo. Lo annuncia la Uilm in una nota.

''La trattativa, ripresa oggi all'Unione Industriale di Torino - spiega Eros Panicali, segretario nazionale della Uilm - si e' arenata sul nodo dell'aumento salariale, le parti infatti non hanno trovato un accordo sull'entita' della una tantum per il 2014''. Ora, prosegue la Uilm, diventa ipotizzabile, come forma di protesta, che insieme a Fim, Fismic e Ugl si blocchino gli straordinari negli stabilimenti Fiat dalla prossima settimana. Molto probabilmente la decisione, assunta dopo la rottura della trattativa sul contratto, sara' ufficializzata nella riunione delle segreterie di lunedi' prossimo. Panicali ha espresso ''delusione e rammarico'' per la piega presa dagli eventi nella trattativa in questione, annunciando che ''riuniremo il coordinamento nazionale Fiat della Uilm giovedi' prossimo a Roma. Il management del Gruppo ci ha offerto 250 euro come 'una tantum', una cifra insufficiente. Riteniamo che le azioni di protesta che proclameremo unitariamente potranno far cambiare posizione all'azienda al fine di riprendere la trattativa contrattuale''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia