martedì 21 febbraio | 06:39
pubblicato il 22/feb/2013 20:17

Fiat: Uilm, possibile contratto a febbraio se cresce premio produzione

(ASCA) - Roma, 22 feb - ''Giovedi' prossimo potrebbe essere il giorno buono per chiudere l'intesa con Fiat. Ce lo auguriamo per i lavoratori del Gruppo che si aspettano da piu' di un mese un risultato positivo''. Lo dice Eros Panicali, segretario nazionale della Uilm in attesa di prendere il volo per Roma dopo che l'incontro odierno tra i sindacati e il management della casa automobilistica a Torino si e' chiuso con una fumata nera.

''Per quanto concerne la parte normativa - assicura il sindacalista metalmeccanico - abbiamo fatto seri passi in avanti, dato che infortuni, malattie, ricoveri ospedalieri, maternita' e allattamento, non entreranno nel calcolo delle presenze relative al premio di produttivita';poi,abbiamo definito l'impostazione contrattuale e le modalita' del calcolo dell'ammontare del premio suddetto sulla base della prestazione lavorativa effettiva''.

''Al momento - conclude Panicali - e' certa solo la cifra dell'aumento salariale medio di 40 euro lordi al mese per l'anno in corso''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia