sabato 03 dicembre | 18:56
pubblicato il 16/feb/2011 14:19

Fiat/ Romani firma accordo per Termini, in tre anni 3.300 posti

Entro 2012 reimpiegati tutti i lavoratori ex Lingotto

Fiat/ Romani firma accordo per Termini, in tre anni 3.300 posti

Roma, 16 feb. (askanews) - E' stato firmato l'accordo di programma per il rilancio dello stabilimento Fiat di Termini Imerese che smetterà di produrre auto per il Lingotto ala fine di quest'anno. L'accordo prevede un investimento complessivo di un miliardo di euro, di cui 450 milioni di risorse pubbliche, 100 del ministero dello Sviluppo e 350 della Regione Sicilia. A siglare l'intesa è stato il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, insieme all'assessore all'Industria della Regione Marco Venturi, al presidente della Provincia di Palermo Giovanni Avanti, al sindaco di Termini Imerese Salvatore Burrafato e ai rappresentanti di Fiat e Invitalia. "L'accordo - ha spiegato Romani - prevede che entro il 2012 tutti i lavoratori della Fiat siano reimpiegati e in tre anni si creino 3.300 posti di lavoro complessivi". Romani ha anche spiegato che nella fase di passaggio saranno predisposte dal ministero del Lavoro anche tutte le procedure di ammortizzatori sociali: "Studieremo - ha detto - tutte le modalità perché queste possano durare il più breve tempo possibile rispetto ai tempi di rioccupazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari