domenica 19 febbraio | 18:38
pubblicato il 30/apr/2014 12:32

Fiat: Palombella(Uilm), a Detroit da Marchionne aspettiamo 'buone nuove'

(ASCA) - Roma, 30 apr 2014 - ''Ci aspettiamo a Detroit martedi' prossimo ''buone nuove' da Marchionne per quanto concerne gli investimenti produttivi in Italia. In questa aspettativa e' compreso lo stabilimento di Rivolta del Re a Termoli, tenendo conto che lo stesso ha gia' anticipato delle positive intenzioni Ad di Fiat nella sua visita avvenuta lo scorso 7 marzo''. Lo ha detto questa mattina Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, nel corso dei lavori del Congresso provinciale dei metalmeccanici di Campobasso, l'organizzazione sindacale che a livello locale e' guidata da Antonio Di Pardo. La prospettiva per il sito molisano, che deve essere ancora confermata, e' il coinvolgimento nella produzione del ''Renegade'', il piu' piccolo della linea Jeep. Il modello progettato negli Stati Uniti sara' assemblato nello stabilimento di Melfi e, tra le parti meccaniche, montera' il motore Multiair prodotto nell'impianto di Termoli.

''Dal ''management' della casa automobilistica - ha precisato Palombella - ci aspettiamo a Torino, solo nove giorni dopo dall'appuntamento americano, una risposta risolutiva per quanto riguardo lo specifico rinnovo contrattuale. Investimenti produttivi e contratto sarebbero davvero il giusto ''ambo' su cui scommettere per il futuro della Fiat e dei lavoratori''. Il leader della Uilm ha fatto riferimento a ''Fabbrica societa''', da oggi on line, che invita il governo ad una concreta politica industriale: ''Ci vuole - ha detto - un nuovo piano della ripresa siderurgica in Europa ed un piano d'azione nostrano che significa una volta per tutte delineare un quadro di politica industriale a livello nazionale nell'ottica europea. Se non si fa questo non si puo' agganciare alcun tipo di ripresa. E' come una locomotiva a cui agganciare dei vagoni: tira la siderurgia e traina il settore manufatturiero, il comparto industriale, l'intero sistema economico. I settori dei servizi, tra cui c'e' quello del turismo e dei beni culturali, possono essere utili e collaterali, ma e' impossibile che determinino l'uscita dalla crisi. Dalle difficolta' si puo' uscire esclusivamente sostenendo l'industria e accrescendo la percentuale del Pil rappresentata dalle attivita' manufatturiere''.

red-glr/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia