sabato 10 dicembre | 14:10
pubblicato il 30/mar/2011 05:10

Fiat/ Oggi assemblea su 2010, ultimo bilancio prima di spin-off

Resta incognita su indiscrezioni trasferimento sede in Usa

Fiat/ Oggi assemblea su 2010, ultimo bilancio prima di spin-off

Torino, 30 mar. (askanews) - Oggi e' l'ultima volta che gli azionisti del Lingotto vengono convocati per approvare i conti complessivi di Fiat Group. Il 2010 infatti e' stato l'ultimo esercizio prima dell'operazione di spin-off, che ha portato alla nascita di Fiat Spa e Fiat Industrial. Giorno simbolico quindi a Torino, citta' che guarda con preoccupazione al suo futuro. L'assemblea Fiat infatti arriva mentre da giorni è tornata a galla l'ipotesi di trasferimento della sede della casa automobilistica da Torino a Detroit. Un'ipotesi che al momento non è sul tavolo in quanto l'azienda, come ha sottolineato l'ad Sergio Marchionne al salone di Ginevra,non ha ancora preso una decisione in merito. Anche se, ha fatto intendere Marchionne, in un mercato globale occorrono piu' centri direzionali. Sullo scacchiere mondiale della Fiat c'è quindi chi intravede un futuro per Torino, come base per le attivita' europee del colosso che nascerebbe dalla fusione del Lingotto con Chrysler, un evento che però avrebbe un incubazione di qualche anno. La Fiat spa possiede infatti il 25% di Chrysler, ma il suo obiettivo e' arrivare al 51% e l'ideale per Marchionne sarebbe arrivarci prima della quotazione in Borsa. Ma arrivare al 51% vuol dire onorare alcuni impegni presi col governo americano. La prima tappa del 35%, a cui in Fiat stanno lavorando alacremente, si concretizzera' alla costruzione di un auto a basso consumo (40 miglia per gallone) a marchio Chrysler, ma anche all'apertura alla casa di Detroit del mercato brasiliano, al momento uno dei piu' promettenti del settore. Sullo sfondo il debito da 7,4 miliardi di dollari, che Marchionne deve ripagare oltreoceano. Sul fronte italiano Fabbrica Italia, dopo Pomigliano e Mirafiori, e' al suo terzo atto a Grugliasco allo stabilimento ex-Bertone. Cambiano gli stabilimenti, ma continua il braccio di ferro con la Fiom. A Grugliasco, feudo dei metalmeccanici della Cgil, che hanno il 64% delle Rsu, la Fiat vorrebbe produrre un nuovo modello di berlina Maserati. Ma al momento la trattativa e' finita su un binorio morto. E presto potrebbe toccare agli stabilimenti di Melfi e Cassino, dove Fiat intende realizzare accordi sul modello Pomigliano-Mirafiori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina