lunedì 16 gennaio | 18:16
pubblicato il 30/mar/2011 05:10

Fiat/ Oggi assemblea su 2010, ultimo bilancio prima di spin-off

Resta incognita su indiscrezioni trasferimento sede in Usa

Fiat/ Oggi assemblea su 2010, ultimo bilancio prima di spin-off

Torino, 30 mar. (askanews) - Oggi e' l'ultima volta che gli azionisti del Lingotto vengono convocati per approvare i conti complessivi di Fiat Group. Il 2010 infatti e' stato l'ultimo esercizio prima dell'operazione di spin-off, che ha portato alla nascita di Fiat Spa e Fiat Industrial. Giorno simbolico quindi a Torino, citta' che guarda con preoccupazione al suo futuro. L'assemblea Fiat infatti arriva mentre da giorni è tornata a galla l'ipotesi di trasferimento della sede della casa automobilistica da Torino a Detroit. Un'ipotesi che al momento non è sul tavolo in quanto l'azienda, come ha sottolineato l'ad Sergio Marchionne al salone di Ginevra,non ha ancora preso una decisione in merito. Anche se, ha fatto intendere Marchionne, in un mercato globale occorrono piu' centri direzionali. Sullo scacchiere mondiale della Fiat c'è quindi chi intravede un futuro per Torino, come base per le attivita' europee del colosso che nascerebbe dalla fusione del Lingotto con Chrysler, un evento che però avrebbe un incubazione di qualche anno. La Fiat spa possiede infatti il 25% di Chrysler, ma il suo obiettivo e' arrivare al 51% e l'ideale per Marchionne sarebbe arrivarci prima della quotazione in Borsa. Ma arrivare al 51% vuol dire onorare alcuni impegni presi col governo americano. La prima tappa del 35%, a cui in Fiat stanno lavorando alacremente, si concretizzera' alla costruzione di un auto a basso consumo (40 miglia per gallone) a marchio Chrysler, ma anche all'apertura alla casa di Detroit del mercato brasiliano, al momento uno dei piu' promettenti del settore. Sullo sfondo il debito da 7,4 miliardi di dollari, che Marchionne deve ripagare oltreoceano. Sul fronte italiano Fabbrica Italia, dopo Pomigliano e Mirafiori, e' al suo terzo atto a Grugliasco allo stabilimento ex-Bertone. Cambiano gli stabilimenti, ma continua il braccio di ferro con la Fiom. A Grugliasco, feudo dei metalmeccanici della Cgil, che hanno il 64% delle Rsu, la Fiat vorrebbe produrre un nuovo modello di berlina Maserati. Ma al momento la trattativa e' finita su un binorio morto. E presto potrebbe toccare agli stabilimenti di Melfi e Cassino, dove Fiat intende realizzare accordi sul modello Pomigliano-Mirafiori.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Cambi
Sterlina a minimi dopo crollo ottobre, cala sotto 1,2 su dollaro
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello