domenica 11 dicembre | 09:15
pubblicato il 29/gen/2014 11:42

Fiat: nel 4* trim accelerano ricavi e utile di gestione

Fiat: nel 4* trim accelerano ricavi e utile di gestione

(ASCA) - Roma, 29 gen 2014 - Accelerano i ricavi del gruppo Fiat nell'ultimo trimestre del 2013. Il fatturato infatti e' ammontato a 24 miliardi con una progressione del 10% sullo stesso periodo del precedente esercizio ma del 16% a parita' di cambi.

Nel quarto trimestre 2013 i ricavi sono stati pari a 24 miliardi di euro, in crescita del 10% in termini nominali, ma del 16% a parita' di cambi. Con riferimento alle regioni, i ricavi in NAFTA sono stati pari a 13,3 miliardi di euro, in crescita del 17% in termini nominali (+22% a parita' di cambi). LATAM ha rilevato ricavi per 2,2 miliardi di euro, in calo del 23% (-13% a parita' di cambi) rispetto ad un quarto trimestre 2012 particolarmente positivo che beneficiava degli incentivi fiscali sulle vendite in Brasile. APAC, con ricavi pari a 1,3 miliardi di euro, e' migliorata del 62%. In EMEA, i ricavi sono stati pari a 4,4 miliardi di euro, in calo del 3% rispetto al 2012. I Marchi di Lusso hanno visto crescere i ricavi del 66% a 1,3 miliardi di euro, trainati da Maserati.

I ricavi dei Componenti sono stati pari a 2,1 miliardi di euro, in crescita del 5% in termini nominali rispetto al quarto trimestre 2012 (+10% a parita' di cambi).

Sempre nel quarto trimestre, l'utile della gestione ordinaria e' stato pari a 931 milioni di euro in miglioramento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2012 (+11% a cambi costanti). NAFTA ha rilevato un utile di 620 milioni di euro (555 milioni di euro nel quarto trimestre 2012, rideterminato a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19) in crescita del 12% in termini nominali (+17% a cambi costanti), grazie al contributo dei nuovi modelli. Il LATAM ha chiuso il quarto trimestre con un utile di 44 milioni di euro (57 milioni di euro a cambi costanti), in diminuzione rispetto ai 198 milioni di euro del 2012 per effetto della crescita inflazionistica dei costi, un mix sfavorevole e minori volumi. APAC ha migliorato il suo utile della gestione ordinaria del 37%, attestandosi a 63 milioni di euro. Per EMEA la perdita si e' ridotta di 70 milioni di euro, pari a circa il 60%, attestandosi a 50 milioni di euro, grazie al miglioramento del mix prodotti e alle efficienze industriali realizzate. L'utile della gestione ordinaria dei Marchi di Lusso e' cresciuto del 74% a 223 milioni di euro grazie alla forte performance di Maserati, il cui utile e' cresciuto di 110 milioni di euro attestandosi a 123 milioni di euro. L'utile della gestione ordinaria dei Componenti e' aumentato di 15 milioni di euro attestandosi a 70 milioni di euro.

Nel quarto trimestre 2013, l'EBIT e' stato pari a 456 milioni di euro (807 milioni di euro nello stesso periodo del 2012, rideterminato a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19). Al netto delle componenti atipiche, l'EBIT migliora del 2% attestandosi a 939 milioni di euro.

Nel quarto trimestre 2013 gli oneri atipici netti, pari a 483 milioni di euro, sono principalmente riferibili, per circa 390 milioni di euro a svalutazioni di attivita' rilevate a seguito della razionalizzazione delle architetture correlata alla nuova strategia di prodotto specialmente per i marchi Alfa Romeo, Maserati e Fiat, e a oneri per perdite di valore di attivita' relative al business della ghisa di Teksid. A tali importi si aggiungono oneri per 56 milioni di euro derivanti dalla svalutazione dei diritti relativi all'Equity Recapture Agreement in considerazione dell'accordo tra Fiat e VEBA Trust.L'utile netto del quarto trimestre 2013 e' stato pari a 1.296 milioni di euro (224 milioni di euro nello stesso periodo del 2012, rideterminato a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19). La quota di utile attribuibile ai soci della controllante e' stata pari a 860 milioni di euro (7 milioni di euro nell'analogo periodo del 2012). Al netto degli oneri atipici netti e dell'effetto positivo delle imposte differite, l'utile netto sarebbe stato pari a 252 milioni di euro (336 milioni di euro nello stesso periodo del 2012, rideterminato a seguito dell'adozione dell'emendamento allo IAS 19).

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina