lunedì 05 dicembre | 10:08
pubblicato il 16/apr/2013 18:34

Fiat: Mirafiori cambia l'utilizzo della Cig in attesa dei nuovi modelli

(ASCA) - Torino, 16 apr - Cambia l'utilizzo della cig a Mirafiori da ristrutturazione a riorganizzazione fino a settembre 2013, mentre si avviano alcun lavori preparatori in vista dell'annuncio dei nuovi modelli da realizzare nello stabilimento torinese previsto entro giugno. E' quanto e' stato stabilito oggi nell'accordo raggiunto tra l'azienda e i sindacati firmatari del contratto (Fim, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione Quadri). E' previsto inoltre il trasferimento da Grugliasco a Mirafiori di una cinquantina di lavoratori delle Lastrature di Grugliasco (Ex Itca) addetti alla Mito. Alla base dell'accordo lo slittamento dell'avvio della produzione del nuovo modello, e in particolare l'istallazione delle nuove linee, che secondo quanto spiegano i sindacati avrebbe reso problematica nei confronti dell'Inps la giusitificazione della cig ''per ristrutturazione'', prevista fino a luglio 2013. Ma intanto, aggiungono i sindacati, l'avvio di nuovi interventi sulla storica carrozzeria torinese, rende piu' concreta la prospettiva di ripresa della fabbrica.

In particolare l'accordo prevede nuovi interventi di efficientamento energetico, l'adeguamento della pista di collaudo ai nuovi standard di test dinamici, l'istallazione degli impianti di lastratura della Mito (fino ad oggi a Grugliasco), la ristrutturazione della verniciatura, il miglioramento ergonomico nell'unita' di montaggio e la creazione di un polo logistico con l'adozione di nuove soluzioni per la movimentazione dei materiali. La cassa integrazione riguarda tutti i 5315 dipendenti delle carrozzerie, (di cui 362 impiegati e 90 quadri) a cui si aggiungeranno a partire dal 6 maggio 2013 anche tutti i dipendenti dell'unita' sottogruppi lastratura di Grugliasco, ex Itca, ( che realizza componenti della carrozzeria per la Mito e le scocche della Maserati Gran turismo e della Maserati Gran Cabrio in produzione a modena) che entrera' a far parte dalla stessa data, a ogni effetto organizzativo e gestionale del Mirafiori Plant. Questi ultimi addetti continueranno a lavorare in ragione delle richieste di mercato per i modelli di sbocco.

''L'accordo firmato oggi da' certezze per il futuro dello storico stabilimento di Mirafiori'' commenta Vincenzo Aragona della Fismic, secondo cui '' i lavoratori attualmente in Cig cominceranno ad intravedere una prospettiva positiva per io loro posto di lavoro''.

Secondo Flavia Ajello della Uilm, questo ''e' un primo passo per vedere che si stanno muovendo le cose a Mirafiori.

Aspettiamo pero' con ansia l'ufficialita' dell'annuncio del nuovo modello''.

eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari