venerdì 09 dicembre | 16:44
pubblicato il 18/set/2012 09:53

Fiat/ Marchionne: Tanti maestri improvvisati, pollaio provinciale

"Della Valle? Sue scarpe (che non compro più) bersaglio piccolo"

Fiat/ Marchionne: Tanti maestri improvvisati, pollaio provinciale

Roma, 18 set. (askanews) - Le critiche alla Fiat e al suo management arrivano da "molti improvvisati maestri d'automobile", attacchi e accuse da "pollaio provinciale". Lo sostiene l'amministratore delegato del Lingotto, Sergio Marchionne, secondo cui "ci sarebbe da domandarsi chi ha dato la cattedra a molti maestri d'automobile improvvisati. Ma significherebbe starnazzare nel pollaio più provinciale che c'è, davanti a una crisi che ci sfida tutti a livello mondiale". "Tutti parlano a cento all'ora - afferma Marchionne in un'intervista a Repubblica, replicando alle stilettate del patron della Tod's, Diego Della Valle - perchè la Fiat è un bersaglio grosso, più delle scarpe di alta qualità e alto prezzo che compravo anch'io fino a qualche tempo fa: adesso non più. Finchè attaccano me nessun problema, ma lascino stare la Fiat, per rispetto e per favore".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina