lunedì 27 febbraio | 10:52
pubblicato il 01/ago/2014 15:21

Fiat: Marchionne, situazione gestibile anche se recessi oltre limite

(ASCA) - Torino, 1 ago 2014 - Il rischio che gli azionisti Fiat che eserciteranno il diritto di recesso rappresentino un monte titoli superiore al limite dei 500 milioni fissato dal Lingotto - soltanto oggi i no alla fusione in assemblea corrispondono a un valore superiore ai 700 milioni - non preoccupa il vertice Fiat. ''Ci daremo un'altra tempistica - ha detto l'ad Sergio Marchionne nel corso della conferenza stampa -, aspettiamo e torniamo a proporre l'operazione. Io non ho mai cercato di diminuire il rischio associato a quello che facciamo''. Il presidente di Fiat John Elkann ha aggiunto: ''Noi non lo vediamo come un fallimento se l'operazione non dovesse andare''. Elkann ha sottolineato poi che l'8% del capitale che oggi ha votato No alla fusione non significa necessariamente l'esercizio del diritto di recesso.

eg/prs/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech