domenica 04 dicembre | 07:52
pubblicato il 01/ago/2014 15:21

Fiat: Marchionne, situazione gestibile anche se recessi oltre limite

(ASCA) - Torino, 1 ago 2014 - Il rischio che gli azionisti Fiat che eserciteranno il diritto di recesso rappresentino un monte titoli superiore al limite dei 500 milioni fissato dal Lingotto - soltanto oggi i no alla fusione in assemblea corrispondono a un valore superiore ai 700 milioni - non preoccupa il vertice Fiat. ''Ci daremo un'altra tempistica - ha detto l'ad Sergio Marchionne nel corso della conferenza stampa -, aspettiamo e torniamo a proporre l'operazione. Io non ho mai cercato di diminuire il rischio associato a quello che facciamo''. Il presidente di Fiat John Elkann ha aggiunto: ''Noi non lo vediamo come un fallimento se l'operazione non dovesse andare''. Elkann ha sottolineato poi che l'8% del capitale che oggi ha votato No alla fusione non significa necessariamente l'esercizio del diritto di recesso.

eg/prs/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari