mercoledì 22 febbraio | 15:36
pubblicato il 29/gen/2014 18:35

Fiat: Marchionne, Pernambuco modifichera' immagine gruppo in Brasile

Fiat: Marchionne, Pernambuco modifichera' immagine gruppo in Brasile

(ASCA) - Torino, 29 gen 2014 - Il gruppo Fiat-Chrysler continua ad avere fiducia nel mercato brasiliano: malgrado le turbolenze sui cambi che fanno prevedere una svalutazione del Reais sul dollaro e quindi un aumento dei prezzi delle vetture prodotte in Nord America, l'Ad Sergio Marchionne si e' detto convinto che nel breve periodo i volumi di vendite del gruppo non dovrebbero subire contrazioni, mentre con l'entrata in funzione all'inizio del 2015 dello stabilimento di Pernambuco, dove dovrebbero essere prodotte vetture del segmento B e D, ma non le nuove Jeep Cherokee e Grand Cherokee, che verranno importate assieme a un'utilitaria, dovrebbe aprirsi un nuovo periodo di crescita.

''Pernambuco modifichera' l'immagine di Fiat in Brasile'', ha detto Marchionne. ''Con gli attuali tassi di conversione (reais vs dollaro, NdR) - ha detto Marchionne - dovremo arrivare piu' o meno agli stessi risultati del 2013. Senza dubbio il 2013 e' stato un anno insolito - ha aggiunto - il 2014 si avvia non nelle migliori condizioni possibili in termini di cambi. I volumi non dovrebbero variare. Non abbiamo pero' indicazioni sul fatto che il mercato possa deteriorarsi. Se i cambi continuano a muoversi verso un punto di equilibrio, piu' o meno quello attuale, se il dollaro continuera' a rafforzarsi sul reis ci saranno effetti inflattivi, ci chiediamo se possiamo recuperare questa inflazione, in un mondo ideale direi di si' ma nella realta' ci sono complicazioni. Le nostre previsioni parlano di un mercato abbastanza simile a quello del 2013''.

Marchionne ha pero' aggiunto che Fiat guarda oltre le condizioni precarie dei cambi attuali: ''Il Brasile - ha detto - ha sviluppato una classe sociale la cui domanda non puo' essere soddisfatta con l'attuale stabilimento di Minais Gerais. E per questo si e' deciso di costruire lo stabilimento di Pernabuco che modifichera' il profilo di immagine della Fiat in Brasile e soddisfera' la domanda di una nuova classe sociale che desidera vetture di qualita' migliore. Lo stabilimento sara' di ultima tecnologia ed entrera' in funzione all'inizio del 2015 e prevediamo che qualsiasi decremento di volumi derivanti dalla contrazione del mercato potra' essere ripresa dopo l'entrata in funzione di Pernambuco. In piu' - ha proseguito Marchionne - i margini riceveranno un impatto positivo. Mi aspetto un ciclo pieno nel 2016, una composizione degli utili completamente diversa e una crescita considerevole''.

eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%