mercoledì 25 gennaio | 03:21
pubblicato il 17/gen/2013 13:13

Fiat: Marchionne, oscene le dichiarazioni dei politici su Melfi

Fiat: Marchionne, oscene le dichiarazioni dei politici su Melfi

(ASCA) - Milano, 17 gen - ''Le dichiarazioni dei politici italiani di ieri su Melfi sono oscene''. Cosi' l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, dopo le polemiche seguite alla decisione del Lingotto di mettere in cassa integrazione per due anni gli operai dello stabilimento lucano. ''Puo' darsi che non abbiano capito di cosa stiano parlando'', ha aggiunto Marchionne al 'Quattroruote Day' al Palazzo della Borsa di Milano, riferendosi in particolare a Nichi Vendola: ''La Fiat e' qui da 114 anni. Sel 114 anni fa non c'era, e nemmeno la Fiom''. Marchionne ha chiarito che fermare la produzione dello stabilimento di Melfi e' praticamente una mossa obbligata, proprio come accaduto a Toledo, fabbrica rimasta chiusa per un anno. ''E' assolutamente normale - ha spiegato - uno che capisce il minimo, sa benissimo che per passare dalla produzione di una vettura all'altra deve ristrutturare lo stabilimento''. Percio', ha insistito Marchionne, ''non ho scelta, perche' devo cambiare i macchinari, le istallazioni e i robot. Non e' che faccio i panini''. Marchionne ha sottolineato di parlare da imprenditore e industriale: ''Non voglio entrare in discorsi di politica, perche' non e' il mio mestiere. In questo paese abbiamo trovato ostacoli enormi per adeguarci alla richiesta mondiale di competitivita'. L'unica mia richiesta e' di prendere collettivamente l'impegno di colmare finalmente il divario tra noi e gli altri e di non vergognarci di essere italiani''. ''Gia' nei prossimi 3-4 anni - ha detto - e' previsto un pieno impiego di tutti i nostri lavoratori in Italia. Siamo pronti a confermare tutti i nostri impegni per l'Italia''.''Oggi - ha aggiunto - Fiat e' un'industria aperta e globale, ma intendiamo fare la nostra parte per l'Italia''. Per il mercato dell'auto il 2013 non sara' ''niente di eccezionale'', perche' sara' un esercizio ''piu' o meno come il 2012''. ''Ci stiamo costruendo una posizione in Cina in maniera molto aggressiva e siamo i piu' grandi in America Latina'', ha detto Marchionne spiegando che pero' i volumi ''li vedo piu' o meno come nel 2012, anzi - ha sottolineato - c'e' la possibilita' che scendano un po'''. Fiat, ha assicuarto, ''non chiudera' nessuna fabbrica'' a differenza di ''altri che in Europa lo hanno fatto''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4