sabato 25 febbraio | 10:30
pubblicato il 17/gen/2013 14:01

Fiat: Marchionne, oscene le dichiarazioni dei politici su Melfi (2 Upd)

(ASCA) - Milano, 17 gen - ''Le dichiarazioni dei politici italiani di ieri su Melfi sono oscene''. Cosi' l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, dopo le polemiche seguite alla decisione del Lingotto di mettere in cassa integrazione per due anni gli operai dello stabilimento lucano. ''Puo' darsi che non abbiano capito di cosa stiano parlando'', ha aggiunto Marchionne esprimendo parole particolarmente critiche nei confronti di Nichi Vendola: ''La Fiat e' qui da 114 anni. Sel 114 anni fa non c'era, e nemmeno la Fiom''. Marchionne ha chiarito che fermare la produzione dello stabilimento di Melfi e' praticamente una mossa obbligata, proprio come accaduto a Toledo, fabbrica rimasta chiusa per un anno. ''E' assolutamente normale - ha spiegato - uno che capisce il minimo, sa benissimo che per passare dalla produzione di una vettura all'altra deve ristrutturare lo stabilimento''. Percio', ha insistito Marchionne, ''non ho scelta, perche' devo cambiare i macchinari, le istallazioni e i robot. Non e' che faccio i panini''. Marchionne ha sottolineato di parlare da imprenditore e industriale: ''Non voglio entrare in discorsi di politica, perche' non e' il mio mestiere. In questo paese abbiamo trovato ostacoli enormi per adeguarci alla richiesta mondiale di competitivita'. L'unica mia richiesta e' di prendere collettivamente l'impegno di colmare finalmente il divario tra noi e gli altri e di non vergognarci di essere italiani''.

Infine, un altra stoccata al mondo della politica: ''Il vero problema - ha lamentato - e' che noi siamo oggetto politico in questo Paese e non lo siamo in America. Ma e' un caso veramente strano, non succede mai''. E ancora: ''Noi qua in Italia siamo diventati il football politico di tutti quanti. Abbiamo persone che non hanno mai fatto una vettura in vita loro ed esprimono opinioni sulla qualita' di quello che esce dalla fabbrica. Vanno addirittura a classificare i motori scelti dalla Fiat rispetto agli altri''. Tutto questo, ha concluso il top manager, ''e' una barzelletta''.

fcz/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Germania
Cina primo partner commerciale della Germania: scalzati Usa
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech