lunedì 23 gennaio | 05:36
pubblicato il 30/ott/2013 18:19

Fiat: Marchionne, non chiudo stabilimenti per favorire i tedeschi

(ASCA) - Torino, 30 ott - ''Non vedo niente sul mercato europeo che consenta motivi di ottimismo''. Sergio Marchionne nella conference call con gli analisti sui conti del terzo trimestre, torna con veemenza sul tema della crisi del mercato europeo.

Riafferma che la Fiat non ha alcuna intenzione di combattere una ''guerra distruttiva sul fronte dei prezzi'' e ricorda che nel 2012 quattro grandi costruttori europei, compresa Fiat, hanno accusato 8 miliardi di dollari perdite. Ma, ha detto, ''non chiuderemo le fabbriche per facilitare il predominio tedesco''.

Fiat ha sottolineato Marchionne ha imboccato con decisione la strada del settore premium, puntando sui marchi Maserati e Alfa Romeo: ''I soldi che devo spendere li spendero' li''', ha detto Marchionne assicurando che non commettera' l'errore di far leva sui grandi numeri. eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4