martedì 06 dicembre | 20:55
pubblicato il 30/ott/2013 18:19

Fiat: Marchionne, non chiudo stabilimenti per favorire i tedeschi

(ASCA) - Torino, 30 ott - ''Non vedo niente sul mercato europeo che consenta motivi di ottimismo''. Sergio Marchionne nella conference call con gli analisti sui conti del terzo trimestre, torna con veemenza sul tema della crisi del mercato europeo.

Riafferma che la Fiat non ha alcuna intenzione di combattere una ''guerra distruttiva sul fronte dei prezzi'' e ricorda che nel 2012 quattro grandi costruttori europei, compresa Fiat, hanno accusato 8 miliardi di dollari perdite. Ma, ha detto, ''non chiuderemo le fabbriche per facilitare il predominio tedesco''.

Fiat ha sottolineato Marchionne ha imboccato con decisione la strada del settore premium, puntando sui marchi Maserati e Alfa Romeo: ''I soldi che devo spendere li spendero' li''', ha detto Marchionne assicurando che non commettera' l'errore di far leva sui grandi numeri. eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Lego
Lego, la dinastia Kirk Kristiansen blinda il futuro dei mattoncini
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Borsa
Seduta sprint per Piazza Affari (+4,15%), maxi-rimbalzo banche
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni