mercoledì 22 febbraio | 05:00
pubblicato il 13/set/2013 13:07

Fiat: Marchionne, con Veba posizioni non si sono avvicinate

(ASCA) - Torino, 13 set - Con Veba, il fondo del sindacato automobilistico americano proprietario delle quote di minoranza della Chrysler che la Fiat ha intenzione di acquistare, le posizioni non si sono avvicinate. Lo ha detto l'Ad della Fiat Sergio Marchionne a margine di un'intesa con il comune di Torino per il restauro del Faro della Vittoria.

''Noi - ha aggiunto Marchionne - siamo assolutamente determinati o a trovare un accordo con loro o ad andare in borsa''. In questa seconda eventualita' Marchionne ha ammesso che il piano di fusione di Fiat-Chrysler si dilaterebbe.

''Dipende dalla disponibilita' del emrcato nel 4* trimestre del 2013 - ha spiegato -. Tecnicamente e' posibile, ma praticamente no. Il mercato di dicembre non e' un mercato ideale e tendenzialmente l'operazione si sposterebbe nel primo trimestre 2014''. Marchionne ha anche ricordato che entro fine mese il gruppo dovrebbe consegnare alla Sec il documento propedeutico all'ipo Chrysler.

eg/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia