martedì 21 febbraio | 00:13
pubblicato il 10/gen/2014 09:22

Fiat: Marchionne, Alfa e' centrale, stop a motori Fiat sul biscione

Fiat: Marchionne, Alfa e' centrale, stop a motori Fiat sul biscione

(ASCA) - Torino, 10 gen 2014 - Alfa e' centrale nella strategia Fiat, i tedeschi ''se la possono sognare. E credo che la sognino''. Lo afferma Sergio Marchionne, ad Fiat, in un'intervista oggi a Repubblica. ''L'Alfa e' centrale nella nostra nuova strategia - dice Marchionne -. Ma come la Jeep e' venduta in tutto il mondo ma e' americana fino al midollo, cosi' il dna dell'Alfa dev'essere autenticamente tutto italiano, sempre, non potra' mai diventare americano. Basta anche coi motori Fiat nell'Alfa Romeo. Cosi' come sarebbe stato un errore produrre il suv Maserati a Detroit: e infatti restera' a casa''. E cosa sara' degli altri marchi?, domanda il direttore di Repubblica Ezio Mauro: ''Fiat andra' nella parte alta del mass market, con le famiglie Panda e Cinquecento, e uscira' dal segmento basso e intermedio. Lancia diventera' un marchio soltanto per il mercato italiano, nella linea Y''. eg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia