martedì 28 febbraio | 09:46
pubblicato il 05/set/2014 16:03

Fiat: Landini, paese serio chiederebbe ad azienda cosa succede

(ASCA) - Torino, 5 set 2014 - In un paese serio si chiederebbe a Fiat cosa succede. In Germania si decide la produzione di un milione di auto elettriche entro il 2020. In Italia invece ci si accontenta di presentare la jeep Renegade a Palazzo Chigi. Maurizio Landini, segretario generale della Fiom continua ad essere scettico sulle produzioni Fiat in Italia e anche il recente annuncio di cassa integrazione a Mirafiori, in vista della realizzazione del suv Levante della Maserati non lo convince. ''Siamo di fronte - ha detto a margine della festa Fiom di Torino a una richiesta di cassa integrazione, ma non si dice quali investimenti vengono fatti, con quale prospettiva e in quali tempi ma si continua a dire semplicemente che non si chiudono gli stabilimenti. Ma continuare con la cassa integrazione senza dire quali nuovi modelli si fanno e quando si fanno fa aumentare la preoccupazione sulla reale volonta' della Fiat di investire nel nostro Paese''.

eg/cam/alf (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Lavoro
Lavoro, Camusso: su data referendum tutto tace
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Barcellona: droni, 5G e telefoni vintage al Mobile World Congress
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech