sabato 03 dicembre | 12:32
pubblicato il 31/gen/2013 11:41

Fiat Industrial: corre l'utile 2012 (+31%) a 921 mln (2 update)

(ASCA) - Roma, 31 gen - Fiat Industrial archivia il 2012 con una robusta performance operativa e un deciso miglioramento della redditivita'. Il risultato di gestione supera i 2 miliardi di euro con una progressione del 23,3% sul precedente esercizio mentre l'utile netto mette a segno un balzo del 31% a 921 milioni. Il cda intende proporre la distribuzione di un dividendo complessivo di 275 milioni. Nel 2012 i ricavi di Fiat Industrial sono aumentati del 6,2% a 25,8 miliardi per effetto della continua forte crescita del business delle macchine per l'agricoltura. Il settore Macchine per l'Agricoltura e le Costruzioni (CNH) ha registrato ricavi pari a 16,1 miliardi di euro, con un aumento del 15,5% rispetto al 2011 (+6,7% in dollari). I Veicoli Industriali (Iveco) hanno registrato ricavi pari a 8,9 miliardi di euro, con una diminuzione del 6,7% rispetto al 2011 derivante dall'ulteriore deterioramento della situazione economica in diversi importanti mercati europei e da condizioni di mercato piu' deboli in America Latina. Le consegne totali (inclusi autobus e veicoli speciali) sono diminuite del 10,7% rispetto al 2011 a 137.028 veicoli, con i veicoli leggeri in calo dell'11,8%, i veicoli medi del 21,6% e quelli pesanti del 6,0%. Per area geografica, le consegne sono calate del 21,1% in Europa Occidentale e del 21,8% in America Latina, mentre sono aumentate del 21,9% in Europa Orientale e del 36,4% nel Resto del Mondo.

Il business Powertrain (FPT Industrial) ha realizzato nel 2012 ricavi pari a 2,9 miliardi di euro, in riduzione dell'8,9% rispetto al 2011 per effetto del calo dei volumi di vendita dovuto alla contrazione della domanda di motori diesel per applicazioni veicolari.

Per quanto riguarda la gestione, il risultato operativo ha superato i 2 miliardi. In dettaglio Cnh ha realizzato una forte performance operativa, registrando un utile della gestione ordinaria in crescita del 36% a 1.566 milioni di euro (1.154 milioni di euro nel 2011) e un margine sui ricavi del 9,8% (8,3% nel 2011). Iveco ha chiuso l'anno con un utile della gestione ordinaria di 469 milioni di euro (490 milioni di euro nel 2011). Il calo e' principalmente da attribuire all'effetto dei minori volumi, che e' stato compensato in buona misura dai benefici derivanti dalle azioni di riduzione costi: il margine sui ricavi si e' mantenuto pari al 5,3%, registrando un lieve incremento rispetto all'anno precedente (5,1% nel 2011). FPT Industrial ha registrato un utile della gestione ordinaria di 142 milioni di euro a fronte dell'utile di 107 milioni di euro del 2011. Pur in presenza di una riduzione dei volumi, il margine sui ricavi, pari al 4,8% (+1,5 punti percentuali), e' significativamente aumentato grazie alle efficienze realizzate nell'anno e al venir meno di alcuni extra costi rilevati nel 2011 per lo start-up di alcune produzioni.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari