giovedì 08 dicembre | 07:57
pubblicato il 25/ott/2013 19:10

Fiat: Gallino, il polo del lusso ''e' una sfida molto ardita''

(ASCA) - Torino, 25 ott - Il polo del lusso della Fiat a Torino ''e' una corvetta che affronta una corazzata'', troppo debole di fronte ai colossi tedeschi. E' cauto il sociologo Luciano Gallino, che oggi e' intervenuto nel capoluogo piemontese all'assemblea Fiom sul Lingotto, al campus universitario Einaudi, sulle possibilita' che la nuova sfida della fiat, anche se profittevole, possa risolversi in un beneficio consistente dal punto di vista occupazionale. Il docente torinese, uno dei piu' autorevoli conoscitori delle dinamiche industriali, ha sottolineato che il nuovo polo tra Grugliasco e Torino raccoglie l'esperienza di Maserati e di una produzione di sole 5mila vetture l'anno e si deve confrontare con produttori europei dominanti, vale a dire Audi, Mercedes e Bmw che insieme producono 4,3 milioni di vetture, che superano i 4 milioni e mezzo aggregando anche Porsche. Imponente anche il numero di modelli in campo ''Audi ne ha 45, da 22mila euro in su, Bmw e Mercedes tra i 22 e i 25 a testa, Porsche ne ha una dozzina. Affrontare questa corazzata con una flotta di 5-6 modelli e' un 'impresa piuttosto ardua'', sostiene il sociologo. Ma soprattutto, sottolinea Gallino, i margini di queste aziende non vengono dal lusso vero e proprio, vale a dire dalle auto esclusive oltre gli 80mila euro, ma dalle vetture piu' piccole, come la classe A della Mercedes che ''costano 20-25mila euro, ma danno la sensazione di costarne 50mila'', incorporando marchio, stile, e comfort delle auto piu' costose. Detto questo, ha ricordato Gallino, le automobili di lusso hanno la quota piu' alta di componenti realizzata fuori dalla casa madre di assemblaggio, circa l'80%, con punte del 90% per la Porsche. ''La componentistica avra' sempre piu' peso, perche' nello stesso tempo i costruttori hanno sempre meno dipendenti'', ha detto Gallino, osservando pero' come questo non significhi che a goderne sia la componentistica di un particolare territorio, ad esempio quello torinese perche' la competizione e' globale.

''Oggi Magna (colosso austro-canadese, ndr) - ha aggiunto Gallino - e' un gigante della fornitura con 300 stabilimenti e centinaia di migliaia di addetti. E fabbrica di tutto, persino un intero veicolo, come nel caso della Mercedes''. A ridurre ulteriormente le necessita' di manodopera, il ricorso massiccio alla robotizzazione che vede l'Italia al secondo posto per acquisto di robot industriali dopo la Germania. In sintesi ''ci sono motivi per nutrire qualche perplessita' sul fatto che il polo del lusso torinese sia in grado di creare nuova occupazione. C'e' da augurarsi il miglior successo - ha concluso - ma la sfida che Fiat mette in campo e' molto ardita''.

eg/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni