lunedì 23 gennaio | 02:14
pubblicato il 05/feb/2013 09:32

Fiat: Fornero, nella contrapposizione escono tutti perdenti

(ASCA) - Roma, 5 feb - ''E' ovvio che non e' dignitoso per nessuno ricevere un salario essendo al tempo stesso richiesti di rimanere a casa''. A dirlo, in merito al caso degli operai della Fiat di Pomigliano d'Arco, e' il ministro del lavoro, Elsa Fornero, ospite a ''L'Economia Prima di Tutto'' su Radio1 Rai. ''Non e' dignitoso, e in questo senso - continua Fornero - non posso che concordare in maniera piena e totale con quanto espresse il presidente della Repubblica Napolitano'', quando nel 2010 scrisse una lettera di sostegno ai 3 operai Fiom della Fiat di Melfi che si trovano nella stessa situazione dei lavoratori di Pomigliano d'Arco: reintegrati, ma non riammessi in fabbrica dall'azienda. ''Da qui a prendere delle misure, che per un governo in uscita non sarebbero possibili, ce ne corre; lancio pero' un appello - continua Fornero ai microfoni di Radio1 - perche' nella contrapposizione si esce sempre tutti perdenti. Il mio e' davvero un accorato appello al dialogo e spero che sia raccolto'', conclude Fornero.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4