martedì 24 gennaio | 00:39
pubblicato il 25/set/2014 18:34

Fiat: firmatari non vogliono Fiom in Regione e siglano cig in corridoio

(ASCA) - Torino, 25 set - Firma un po' concitata questo pomeriggio presso gli uffici della Regione Piemonte della proroga della cassa integrazione per il Polo del Lusso Fiat e in particolare allo stabilimento di Mirafiori in vista della produzione del nuovo suv Maserati. I sindacati firmatari infatti, che non hanno voluto dividere lo stesso tavolo di incontro con la Fiom si sono trovati ad apporre in corridoio le loro sigle all'accordo che prolunga fino al settembre 2015 il trattamento per 6200 addetti. La Regione Piemonte ha infatti convocato alla stessa ora e allo stesso tavolo tutti i sindacati, ma i firmatari (Fim, Uilm, Fidmic, Ugl e Associazione Quadri) si sono rifiutati di avviare la discussione alla presenza della Fiom. E' stata percio' individuata un'altra sala mentre i funzionari regionali si sono divisi su entrambi i tavoli. Alcuni delegati della Fiom sono pero' entrati anche nell'altra sala, quando ormai l'incontro era al termine, e questo ha provocato l'epilogo rocambolesco nei corridoi degli uffici di via Magenta.

''Abbiamo firmato in queste condizioni per garantire la cassa integrazione e un futuro di investimenti a Mirafiori'', commenta Vincenzo Aragona della Fismic, mentre Flavia Aiello (Uilm) osserva ''che la Fiom non firmi gli accordi siamo abituati, ma venire da noi per cercare la rissa non e' tollerabile. Gli abbiamo dimostrato che siamo riusciti a firmare comunque''. Diversa la ricostruzione della Fiom secondo cui tutti sapevano che oggi la Fiom avrebbe firmato l'avvenuta procedura pur mantenendo riserve sul merito anche in considerazione che per la prima volta da anni l'organizzazione nei giorni scorsi e' stata convocata dalla Fiat all'interno dello stabilimento proprio nell'ambito della procedura per il rinnovo della cassa. ''Lo sapevano e ci e' stato impedito da un comportamento illegittimo e discriminatorio della Regione nei nostri confronti, che rappresenta lo stato e non puo' ignorare le sentenze della Corte Costituzionale sui diritti sindacali''.

eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4